TV fiction e non solo

CHIUDE STASERA CHE SERA

Non ho mai capito perchè Barbara D'Urso (al secolo Maria Carmela from Napoli) abbia lasciato una carriera di attrice (anche se solo di fiction) per diventare "presentatrice", ruolo adesso nobilitato aon la definizione di showgirl.

Poi, prima di mettermi a scrivere, sono andata su wikipedia e la luce è arrivata.

La nostra balda giovanotta aveva esordito proprio come showgirl nel 1977, quando aveva 20 anni, in una certa Telemilano 58 diventata (tho') Canale 5. E va be'.

A me Barbara D'Urso a pelle non piace, ogni volta che la sento mi risuona nelle orecchie il suo insopportabile "ragazziiiii" quando conduceva il Grande Fratello. Che nelle sue note di carriera si dica che abbia fatto anche la giornalista mi fa venire i "ragni sulla schiena".

E sul fatto che abbiano chiuso il suo programma alla seconda serata ho qualcosa da dire.

 

Pare che Mediaset non l'abbia chiuso per le proteste di chi ha visto il povero Francesco Nuti - larva sbavare e piangere con la facies del ritardato. Anche perchè sono stati talmente pochi a vederlo che non deve essere stato uno tsunami di proteste.

E d'altra parte sai a Mediaset che gli frega? anche protestasse il 20% del pubblico, resterebbe il resto 80% a garantire contratti pubblicitari in base all'audience e, come si dice?, finchè dura c'è verdura. Si chiamano TV commerciali per questo motivo.

Invece Barbarella Maria Carmela l'altra sera l'hanno vista in pochi, tra cui io per puro casuale zapping che mi ha portata da lei esattamente mentre parlava di Francesco Nuti, regista che personalmente ho molto apprezzato.

Quasi non ci credevo: Francesco Nuti era in video, in collegamento ma in video.

Da una parte è stata una gioia, Francesco risale piano pianissimo la china. Poi è cominciato a salire alla coscienza un preciso senso di imbarazzo: povero Francesco, che brutto spettacolo quelle smorfie di pianto da persona con lesioni cerebrali, quella mano che spesso, troppo spesso, gli asciuga la bava...

Se da una parte è stato belo vedere Alessandro Benvenuti nel messaggio registrato per lui che gli dice "ti voglio bene", dall'altra l'imbarazzo diventava sempre più grande, come si mi stessero costringendo a guardare nel privato di qualcuno.

E il punto forse è proprio qui, come sempre: l'uso del dolore a fini di spettacolo.

Barbara Maria Carmela e i suoi produttori sicuramente non si sono fatti nessuno scrupolo (e perchè+ dovrebbero?), magari hanno fatto un salto di gioia sulla sedia quando Francesco Nuti ha accettato.

Ma, attenzione, Francesco Nuti ha accettato. Ha voluto farsi vedere. E allora, se mai qualcuno nella redazione del programma avesse avanzato un dubbio, in coro gli altri avranno detto "chi se ne frega": del pudore, del buon gusto, della riservatezza, del senso della misura.... Sbattiamo Francesco Nuti che sbava in primo piano.

Queste parti del video dal servizio di RepubblicaTV

 

Per vedere quasi tutto il pezzo della trasmissione

http://video.mediaset.it/video/tgcom/servizio_spettacolo/204078/francesco-nuti-da-barbara-durso.html

 

E così si è difesa Barbara.

 

A me è venuto vin mente "Perdiamoci di vista" di Carlo Verdone. (vedi solo prima parte)

 

 

Ma non era la prima volta che Francesco Nuti appariva: era successo a "I fatti vostri" un mesetto fa.

Mi sembra giusto poter fare i paragoni sul tipo di conduzione.

film

corti

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni