soggettive

Francesca Comencini per RepubblicaTV

Figlia d'arte e sorella d'arte. Il suo cognome non le ha spianato la strada, il padre non è mai intervenuto e se molti figli di attori e registi fanno gli attori e i registi, non è una questione di nepotismo; è che il lavoro si confonde con la vita. Ma non può nemmeno dire che il cognome sia stato un peso perchè dal padre ha imparato tutto anche se ha collaborato poco: ha imparato una posizione morale, il suo è un cinema che è rimasto per la sua intensità morale. Ha imparato che è un lavoro che offre delle straordinarie possibilità di mentire e la bravura del regista è saperle evitare.

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni