film

Harry Potter e l'Ordine della Fenice

 

Gli aristocratici del cinema impegnato possono storcere il naso quanto vogliono ma Harry Potter si corre a vederlo, almeno io corro.

 

Nell'arco di cinque film (e sette libri), sono cambiati quattro registi ma la fedeltà al testo di riferimento è rispettata e aiutata dall'evolversi del digitale per gli effetti speciali.

Certo, da questo punto di vista, come è stato per il Signore degli Anelli e come è per tante altre produzioni, il confine con il cartoon è labile. Ma chi se ne importa?

Se il cinema è anche fantasia, ben venga il digitale che da una parte ci ha restituito i campi lunghi e dall'altra ci regala movimenti di macchina, angolazioni diversamente impossibili se non , appunto, con la fantasia suggerita dalla parola scritta.

 

Il film, questo come gli altri, è tanto aderente al testo che ormai faccio confusione: l'ho letto o l'ho visto?

Di sicuro Harry crescendo affronta situazioni sempre più difficili tanto che qualcuno si chiede, proprio per la drammaticità delle scene, se si tratta ancora di film adatti ai bambini.

Personalmente trovo che è molto più adatto Harrry Potter, anche con gli effetti estremi, di tanta produzione o di tanta informazione che i bambini vedono loro malgrado.

Nel film comunque non c'è una goccia di sangue nè alcun elemento di violenza gratuita.

"Ma i bambini hanno paura", dice qualcuno. I bambini, ricordiamocelo, hanno bisogno di avere paura motivo per cui esistono i cattivi nelle fiabe (e non solo per individuare in maneira certa il Bene e il Male). I bambini hanno bisogno della strega che minaccia di mettere al forno Hansel e Gretel perchè così possono personificare, portare fuori da se la paura, essere abbandonati.

E dunque ben venga Lord Voldemort.... opss... l'ho detto anche io!

 

Grande cinema dunque?

Se il cinema è anche spettacolo, è anche gioco, allora sì, grande cinema che merita gli incassi fortunati.

Di sicuro Harry Potter è nella storia del cinema di questo nuovo secolo, anche per la particolarità di essere "seriale".

Ma non è il primo, ricordiamoci "guerre stellari" in cui addirittura i primi tre fil sono stati un sequel, gli altri tre un prequel!

E Indiana Jones.

Qui seguiamo le vicende di uno studente in collegio, lo vediamo crescere. A proposito: tanto era carino Harry a undici anni, tanto è anonimo a diciassette ma anche questo va bene, fosse diventato bellissimo avrebbe distratto.

E che Harry ci piaccia tanto credo sia da attribuire anche al fatto che la sua vicenda è tutta "dentro", nonostante le continue uscite, la storia si svolge all'interno di un collegio. E sappiamo che il "dentro" ci rimanda all'inconscio, ai nostri sentimenti, alle nostre dinamiche affettive e alle nostre questioni etiche.

Pensiamoci: tutti i film ambientati "dentro" un luogo, ci fanno venire caldo al cuore, come se fossimo abbracciati o stretti dentro un plaid morbido.

 

E infine una nota per gli attori, a parte il giovane Daniel Radcliffe.

Gary Oldmann si dimostra ancora una volta un grandissimo attore visto che riesce a fare quegli occhi buoni che di più non potrebbe quando ce lo ricordiamo in infiniti ruoli da cattivo senza speranza (JFK, Leon, Lost in space, Il quinto elemento...)

E vogliamo parlare di Elena Bonham Carter?

E che dire di Imelda Staunton (Il segreto di Vera Drake - Leone d'Oro a Venezia) nel ruolo della professoressa Humbridge sempre di rosa confetto stucchevolmente vestita?

Grandissimi tutti, tutti inglesi, appunto.

 

angela cannizzaro :)

                                                                                                                               

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni