TV

 

ANNA KARENINA (2013)

di Christian Duguay

con Vittoria Puccini, Santiago Cabrera, Benjamin Sadler, Lou De Lage, Max Von Thun, Angela Molina, Pietro Sermonti, Sidney Rome

Italia, Germania, Spagna - 2013 - 180' circa

 

 

Rai 1 si è esibita nell'ennesima versione di Anna Karenina.

L'impegno della LuxVide di Bernabei (ci ricorda qualcosa questo nome?) è stato notevole: tre paesi coinvolti nella produzione, 2000 comparse, 100 cavalli. 30 carrozze, 50 location scelte fra i più bei palazzi storici dell’aristocrazia baltica, 1200 costumi, 4 vagoni di un treno completamente ricostruiti e 2 locomotive d’epoca restaurate e poi donate al Museo delle Ferrovie Lituane di Vilnius, 7 tonnellate di neve finta (prima che arrivasse sul set quella vera…), 1 pista di pattinaggio di 700 mt2 costruita dalla produzione e donata alla città di Vilnius, 10 gradi centigradi, la temperatura massima che ha accompagnato le 8 settimane di riprese in Lituania e Lettonia, 6 nazionalità diverse per il cast artistico.

 

Bella e brava Vittoria Puccini in una insolita versione mora: evidentemente sceneggiatore e regista hanno considerato che la passione tormentata e tormentosa di Anna Karenna poco si addicesse ad una bionda.

Che banalità!

A parte la considerazione che Vittoria Puccini dopo Elisa di Rivombrosa (come Keira Knightley dopo Pirati dei Caraibi)  continuerà e fare film in costume in eterno, c'è da dire che sì, è brava ma non convince, non ha la faccia, l'intensità, il dolore e nemmeno il fascino travolgente necessario. Poco male, è in buona compagnia; non ce l'ano fatta nemmeno Vivian Leigh, Marcel Marceau, Keira Knightley... Insomma le divine restano Greta Garbo e Lea Massari.

Pare che il regista, Christian Duguay, abbia  impedito alla Puccini di rivedere tutte le trasposizioni precedenti, per il piccolo e il grande schermo. Il motivo lo ha spiegato lo stesso regista: fare in modo che l'attrice non avesse modelli a cui ispirarsi. Bha, forse ha fatto bene ma forse "anche no"

 

Le pagine web s sono riempite con la modernità di questa edizione, con questa Anna Karenina eroina moderna e coraggiosa. Non è che io l'abbia vista tanto tranne nell'inspiegabile canzone del ballo, la cover (adesso si dice lead song) di "One Day I'll Fly Away", il brano di Randy Crawford diventato famoso dopo che l'ha cantato Nicole kidman-Satin in Moulin Rouge. E qualcuno mi spiegasse che c'entra con questa Anna Karenina; avrei capito se il regista avesse fatto, parlando di colonna sonora, una operazione stile Marie Antoinette di Sofia Coppola dove TUTTA la colonna è contemporanea ma qui c'è solo questa canzone "moderna" ... bho!

Irriconoscibile Pietro Sermonti nel ruolo secondario del fratello di Anna. Peccato perchè lui si che è bravo.

fiore di cactus :)

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni