film

 

BACIAMI ANCORA

di Gabriele Muccino

con Stefano Accorsi, Vittoria Puccini, Pierfrancesco Favino, Claudio Santamaria, Giorgio Pasotti, Marco Cocci, Sabrina Impacciatore, Adriano Giannini, Valeria Bruni Tedeschi

Italia - 2010 - 130'

 

Carlo e gli altri amici dieci anni dopo. Carlo, come era prevedibile, si è separato da Giulia che nel frattempo vive con un attore squatrinato, Sveva, la loro bambina, ha dieci anni e vive, come tutti i figli di separati in due case. Paolo ha una relazione con la moglie di Adriano ce ha cresciuto il figlio da sola. Adriano torna dopo dieci anni di cui due passati in prigione per spaccio di cocaina. Marco vive un matrimonio in crisi perchè i figli non vengono (ed è presumibilmente colpa di lui). Alberto continua a sognare di partire per il sud America.

 

Il narratore è sempre Carlo che in realtà è ancora innamorato della moglie; hanno un momento di passione e lei rimane incinta. Il loro tornare insieme sarà uno degli epiloghi. Epilogo tragico per Paolo che, malato di nervi da sempre, finisce per togliersi la vita dopo l'ultima litigata con la durissima ex moglie di Adriano. Epilogo semitragico per Marco che, si è scoperto, ha lo spermatozoo lento ma che riaccoglie in casa la moglie incinta di un altro. Adriano troverà conforto in una donna con figli, lui che il figlio l'aveva abbandonato, che ha conosciuto per caso. Alberto raggiungerà finalmente le rive di un fiume latino americano popolate di indigeni felici.

 

Muccino Gabriele.... della serie  "a volte ritornano".

In definitiva non è che il film sia proprio irrimediabilmente brutto. E si possono trovare un paio di colte citazioni a ricordarci che Muccino ha frequentato il CSC: la coralità dei personaggi così cara alla commedia all'italiana da Monicelli in poi, il negozio di statue sacre pari pari da I vitelloni di Fellini...

Ma rimane un mistero, sempre quello: perchè Muccino dopo i due film americani bellissimi, profondi, (La ricerca della felicità e Seven Pounds erroneamente tradotto Sette anime) torna in Italia e ci ripropone le vicende borghesi di cinque amici dieci anni dopo?

Mistero.

 

Naturalmente sempre stessa recitazione urlata, tirata, ansiosa... per un film tutto ad alta tensione...

Ma una volta Muccino vorrà considerare che il film necessita d modulazione? Si ricorderà prima o poi della regola dl climax (picchi ogni venti minuti per richiamare l'attenzione) e che in mancanza di questo "movimento", quando il film è tutto "alto" finisce per annoiare esattamente come un film piatto e lento?

Chissà...

 

Divertenti e azzeccate le location romane d questo Baciami ancora: borghesi ma molto cool.

Carlo e Giulia abitano intorno a Piramide, quartiere Ostiense che è diventato caro ai figli della media e ma anche alta borghesia romana. Si riconosce dallo zoom velocissimo da Google Earth, espediente visivo usato due ani prima dai fratelli Coen per Burn after reading

E i sogni si consumano sempre alla cascata dell'EUR, cascata però stavolta significativamente spenta.

 

fiore di cactus :)

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni