dai giornali                                                                                                                               

 

Il successo del modello protagonista dello spot di un profumo Britannico, 28 anni, fa impazzire le donne, gli uomini, e la Rete

Uno slip, un gommone, i Faraglioni
David Gandy, il più desiderato dell'estate

Ha perfino i peli. E' un pregio, oggi trovarne uno non depilato è un'impresa. Ne ha pochi, è vero, ma quanto basta, q.b., come il pepe nelle ricette. Piace tanto. Alle donne, e agli uomini. Forse, perché uno così sfacciatamente maschio, in uno spot, non lo si vedeva da un po'. Uno che prende la decisione. Che non tentenna. E non soggiace. Mica come George Clooney, che gli vogliamo tutti bene, però si fa sbattere una porta in faccia solo perché s'è presentato al party senza Martini. E resta di stucco davanti a una pazza che, con un solo colpo di sciabola, taglia i cosiddetti a un toro di ghiaccio. Il nostro, certe cose, mica se le fa fare. Ce lo ricorda ogni giorno, dall'inizio dell'estate. Da quando, cioè, staziona su un gommone davanti ai Faraglioni, con indosso un costume da bagno bianco. E' il protagonista dello spot di Light Blue, il profumo Dolce&Gabbana. Si chiama David Gandy. E quel che si vede lo ha reso simpatico a molti.

Alto, bruno, occhi azzurri. Un sacco di muscoli, quelli giusti. Mica l'effetto-gorilla dei tronisti. E' in piedi sul gommone, mare un po' increspato ma lui non vacilla. Quelli normali si piegano come uno scimpanzé per assecondare il movimento, aprono le braccia in cerca di equilibrio. Lui, dritto. Fisico pazzesco. Se sei malizioso, ti concentri su alcuni elementi e trascuri il resto. Più in là c'è una lei. Suda come un fabbro ma si tiene la camicia. Bha. Lui, un tocco leggero e sistema l'elastico dello slip. Se sei malizioso, pensi che si stia togliendo il costume. Invece no. D'altronde, sta con una che non s'è tolta la camicia, non si capisce perché lui dovrebbe togliersi il costume. Bacio. E mentre le telespettatrici sentono bruciare l'eritema dell'invidia, ecco la nemesi. Qualcuno batte un ciak e grida "stop".

David Gandy è un eccesso di sensualità mediterranea. Invece, guarda un po', ha tutt'altre origini. E' nato 28 anni fa in Gran Bretagna, nell'Essex, a Dagenham, città che - tanto per curiosità - ha dato i natali, fra gli altri, alla cantante Sandie Shaw e all'attore Dudley Moore. Padre inglese e madre scozzese. Ha studiato all'Università del Gloucestershire, ma nel 2001 un amico ha spedito, a sua insaputa, delle sue foto a un concorso. C'è sempre un amico o una sorella che spedisce foto di nascosto, pure a Miss Italia, la raccontano tutti così. Ma va bene. Fatto sta che vince. Ed entra nella scuderia dell'agenzia Select.

Oggi, in Rete è delirio. Pagine intere sui siti gay. I blogger si scambiano informazioni. C'è chi ne apprezza il "sexy and mediterranean look", chi implora "how can I meet model David Gandy?". Una ragazza racconta di averlo visto a Londra "con una t-shirt verde che metteva in risalto i bicipiti". Fiumi di gallerie fotografiche, con titoli tipo "La perfezione in slip". Su YouTube c'è un "David Gandy Tribute". Esiste una David Gandy Appreciation Society. Un blogger ne evidenzia l'aspetto da "ragazzo della porta accanto" (ma dove abita?). Un blog gay titola la pagina "Can't take my eyes off you".

E ci sono quelli che interpretano. Dicono che è così bello perché accorpa il meglio di Raul Bova, Antonio Banderas e Richard Gere da giovane. Quale che sia la ragione, l'estate è ancora lunga, il dibattito è aperto, Gandy sta sul gommone, quotidiani e settimanali ce lo mostrano in abbondanza così come lo spot, che continua a girare. Con quella canzone, Parlami d'amore, Mariù, colonna sonora di un film - era il 1932 - dal titolo emblematico: Gli uomini, che mascalzoni.

(Repubblica 16 luglio 2007)

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni