eventi

"Valzer con Bashir", opera di animazione dell'israeliano Folman vince come miglior film. Riconoscimenti a "the Millionaire"
Golden Globe, un cartoon bellico
soffia il premio a Gomorra

Miglior commedia "Vichy, Cristina e Barcelona" di Woody Allen
 

NON Ce l'ha fatta, "Gomorra". Il film di Matteo Garrone, malgrado i tanti riconoscimenti già ottenuti - dal premio a Cannes all'an plein agli Oscar europei - perde la partita agli americani Golden Globe: candidato come migliore pellicola straniera, vede svanire la vittoria a favore di "Valzer con Bashir", il cartoon bellico di Ari Folman appena sbarcato nelle sale italiane.

Insomma, per il regista e in generale per il cinema di casa nostra, una bella delusione. Anche se lui, qualche ora prima dell'inizio della cerimonia - che come ogni anno si è tenuta nelle sale del Beverly Hilton hotel di Los Angeles - aveva messo le mani avanti: "Se vinco non è un dramma. Sono contento che il film sia stato candidato sia ai Golden Globe che agli Oscar perché significa che ha colpito non solo per il messaggio ma anche per il linguaggio tecnico che utilizzato". Ma ai membri dell'associazione stampa estera di Hollywood, che assegnano i preziosi globi, evidentemente non è bastato. O, meglio, hanno preferito un altro tipo di film ugualmente contemporaneo, e innovativo, sia nello stile che nei contenuti: quello di Folman, appunto. Che ha battuto non solo Garrone, ma anche "La Banda Baader Meinhof" del tedesco Uli Edel, lo svedese "Everlasting moments", il francese "Ti amerò per sempre".

"Gomorra" a parte, c'è da dire che l'edizione 2009 dei Golden Globe - considerati, tradizionalmente, il premio cinematografico Usa più importante, dopo gli Oscar - ha rispettato sostanzialmente le previsioni della vigilia. Il premio come miglior film drammatico, infatti, è andato al favoritissimo "The Millionaire" di Danny Boyle, che anche gli spettatori italiani hanno avuto modo di conoscere e apprezzare. E che prevale pure in altre tre categorie: regia, sceneggiatura e colonna sonora. Scontato anche il riconoscimento postumo a Heath Ledger, l'inquietante Joker del "Cavaliere Oscuro", così come al Mickey Rourke di "The Wrestler" (Leone d'oro a Venezia 2008) vittorioso come migliore attore protagonista di una pellicola drammatica.

Meno prevedibile, invece, l'en plein di Kate Winslet: trionfa come migliore attrice protagonista per "Revolutionary Road", e anche come non protagonista per il controverso "The Reader" (in cui interpreta una ex nazista). La migliore commedia, invece, per i giurati del globi è "Vicky Cristina Barcelona" di Woody Allen; il miglior attore protagonista, sempre nella categoria commedia, è il Colin Farrell di "In Bruges"; la migliore attrice la Sally Hawkins della "Felicità porta fortuna". Tra le serie tv drammatiche prevale "Mad Men".

E adesso vincitori e vinti - a cominciare da "Gomorra" - dovranno aspettare la prima mattina del 22 gennaio (ora di Los Angeles, primo pomeriggio in Italia) per conoscere le nomination agli Oscar. Che verranno assegnati esattamente un mese dopo: il 22 febbraio.

Claudia Morgoglione - Repubblica -  12 gennaio 2009

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni