film

 

IL MONDO PERDUTO

di Harry Hoyt

con  Wallace Beery, Lloyd Hughes, Arthur Hoyt, Lewis Stone, Bessie Love

USA - 1925 - 106'

 

Ed ecco a voi una vera chicca, il padre di tutti i dinosauri del cinema, il film (nel senso del lungometraggio) che per la prima volta ha fatto vedere gli animali preistorici girato, ebbene sì, nel 1925, quasi 90 anni fa.

Anche la storia, ho scoperto, è madre di tante altre storie.

Londra (nonostante il film sia americano, ancora non si pensava a New York come sede di catastrofi): il professor Challernger ha avuto il diario dell'esploratore Maple White che in Amazzonia sostiene di aver trovato dinosauri vivi. Durante una disastrosa conferenza al museo di zoologia, in cui pubblico e mondo scientifico deridono il povero Challenger, lui lancia la sfida (in nome omen) di una spedizione sulle tracce di Maple, si aggregano due scienziati e il giovane giornalista Edward Malone che vuole rendersi eroico agli occhi della sua fidanzata. Al gruppo si aggrega anche Paula la figlia di Maple, convintache il padre sia ancora vivo. E finalmente si parte.

Arrivati alla rocca dove Maple era rimasto intrappolato, anche i nostri restano intrappolati forse allo stesso modo: un brontosauro abbatte il ponte di fortuna che li separa dal resto del mondo, mentre le due guide sono rimasta al campo ai piedi della roccia senza dall'altra parte del versante.

I dinosauri quindi ci sono e Maple aveva ragione. Peccato che uno degli scienziati ritrova il suo cadavere nella caverna dove hanno deciso di accamparsi mentre l'altro scopre un cunicolo che porta proprio sopra all'accampamento delle guide. Insomma u po' di guai e paura, un amore che sboccia tra i due giovani alla faccia di Gladys e anche di uno degli attempati scienziati (bellissimo signore, somigliante a Vittorio de Sica) che su Paula aveva fatto qualche sogno. Poi tutti si salvano e riescono anche a caricare su una nave un brontosauro per portarlo a Londra e, alla faccia del Museo di Zoologia, mostrarlo al mondo.

Sembra che il finale sia più che lieto, anche perchè Gladys nel frattempo si è sposata con un bellimbusto impomatato (ma come? non voleva sposare solo un uomo che guardava la morte in faccia senza tremare?) e invece i dinosauro è riuscito a scappare e dal porto si dirige bel bello n città.

Ed eccole le scene madri di tutti i disaster movie metropolitani causa mostro gigante (e io che credevo che il primo fosse stato King Kong...)

Il dinosauro abbatte un poaio di palazzi, semina il panico, arriva al Tower Bridge che crolla e lui finalmente, nuotando se ne va verso il mare con inquadratura che ricorda sputata il mostro di Lockness.

 

Una delizia di film muto, con didascalie e presentato da Sir Artur Conan Doyle in persona che nel 1912 aveva scritto l'omonimo romanzo. Esce dalla sua casa preceduto dal cane, si siede e dice: "ho scritto questo romanzo per dare un'ora di gioia ad un bambino non ancora uomo o ad un uomo ancora bambino.

L'ho adorato.

 

I pupazzoni sono di Willis O'Brien che otto anni dopo sarà l'autore di King Kong (appunto)

La tecnica è quella dello stop motion (animazione a passo uno)

Aveva cominciato con creature di creta, ma questi e i successivi sono stati realizzati in metallo con parti snodabili e tutti ricoperti da una guaina di gomma.

Prima di questo film c'era stato una animazione breve (oggi la chiameremmo un corto) sempre in stop motion dove appare per pochi secondi un lucertolone che lotta con uno scimmione, insomma i nonni di King Kong e dei nostri dinosauri

https://www.youtube.com/watch?v=AQ1DaT7f5lE



fiore di cactus :)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni