cia

 

                                                                                                                                                                     

                                                                                                                                                                  TV

 

IL RITORNO DI ULISSE

di Stéphane Giusti

con Alessio Boni, Caterina Murino, Niels Schneider

Francia, Portogallo, Italia - 2013 - 12 episodi/45'

 

L'Odissea, tanto per fare un ripasso che male non fa, è divisa in 24 libri.

I primi 4 raccontano quello che sta accadendo a Itaca: Penelope, i Proci, la tela, Telemaco che va da Agamennone per avere notizie del padre e conosce Elena... Una palla

Dal 4° al 12° libro Ulisse, sbarcato sull'isola dei Feaci, racconta le sue avventure e disavventure: Polifemo, le Sirene, il dio dei Venti, la maga Circe, la discesa nel mondo dei morti. Una meraviglia.

Dal 13° al 23° si narra il ritorno ad Itaca: i proci, Penelope, la tela, Telemaco, il fedele pastore, il cane Argo, la sfida con l'arco... Una palla.

 

Questa serie televisiva prodotta da RAI Fiction parla per la bellezza di 400 minuti delle parti pallose dell'Odissea e per giunta con non poche licenze narrative dal testo omerico.

Nelle intenzioni degli autori quella di raccontare la parte umana e tormentata di Ulisse che, poveretto, torna a casa e i suoi guai non sono per niente finiti.

Tutta la nostra solidarietà e comprensione ma se c'è una cosa che ha fatto dell'Odissea il primo grande fantasy della storia della letteratura e che l'ha sempre resa indimenticabile è stata proprio (e solo) quella parte dal libro 5° al libro 12°: l'avventura, il mistero, lo stupore... i ciclopi, le sirene, gli dei, Nettuno che si incazza, Scilla e Cariddi, Circe e i porci, la ninfa immortale Calipso...

Niente di tutto questo ma solo questioni di poliitica in un villaggio dell'età del bronzo su un'isola della Grecia: il re è tornato, ci sono complotti, alleanze, intrighi, tradimenti....

Una palla senza fine.

Unica consolazione Alessio Boni (indubbiamente bravo e tormentato) in gonnellino e muscolo ben oleato e capello riccio intriso ancora di sale. Almeno per la seconda e terza puntata (abbiamo aspettato la fine della prima per vederlo finalmente) perchè poi nella quarta si mette una tunica e finisce lo spasso.

 

Le puntate: dodici in Francia, quattro in Italia (accorpate tre puntate in una, un tormento, gonnellino e muscolo e capello a parte)

Perchè? mi chiedo.

La cattiveria mi suggerirebbe l'ipotesi che non sappiamo fare gli effetti speciali e quindi niente fantasy.

La ragionevolezza mi impone di denunciare le molte libertà di interpretazione che, anche volendo pensare ad un prodotto didattico, in chi non conosce l'Odissea (penso ai ragazzi), genera confusione e disinformazione.

Bocciato. Bocciato. Bocciato.

 

 

fiore di cactus :)

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni