soggettive: le interviste

Giuseppe Tornatore su Baaria "Sono i produttori di destra  a cercare i registi di sinistra"
PAOLO D'AGOSTINI per Repubblica.it - 23 settembre 2009


"Durante la lavorazione già cominciavano le polemiche: i soldi del cinema italiano li ha spesi tutti Tornatore. Improvvisamente tenevano tutti tantissimo all'azienda di Berlusconi. Ora coro opposto: ho fatto un patto col diavolo. E il costo è stato malevolmente gonfiato in proporzione all'antipatia verso di me".

Quanto è questo costo?
"25 milioni. Il Gattopardo oggi costerebbe più di 40 milioni. La coerenza: essere di sinistra e "prendere soldi da destra". Impostazione rozza e volgare. Da ragazzo mi scandalizzò che Visconti facesse Gruppo di famiglia in un interno con Rusconi. "Ma come, il compagno Visconti, con i soldi dei fascisti". Ma Visconti non ha rinnegato la sua visione. Io non ho mai subito condizionamenti ideologici. Una sola volta scrissi un film per Cecchi Gori e lui mi disse lapidario: troppe bandiere rosse. E non si fece. Medusa fa parte dell'impero Berlusconi, ma io ho fatto il mio film. Berlusconi ci ha trovato una scena, una battuta che gli sono piaciuti. E allora?".

Già, le lodi di Berlusconi.
"Speculazioni. Per tre anni di lavoro ho guadagnato gli stessi soldi presi per La sconosciuta, fatto in un anno".

Le lodi di Berlusconi.
"Io mi sono confrontato con Giampaolo Letta (ad di Medusa, ndr), non con lui. Questi polemisti lo chiedano ai produttori "di destra": perché non gli fa schifo fare film con registi "di sinistra"".

Eppure il tema fa sempre presa.
"Casomai mi pare interessante che con Medusa riescano a raccontare le loro storie artisti ideologicamente non in armonia con loro".

Brunetta ha tirato in ballo Rossellini "prima fascista e poi comunista".

"Brunetta non sa di che parla. Le sue battute da malandrino di periferia mi disgustano. Nomina Rossellini che non si può più difendere mentre a Placido l'ha mandata a dire trasversalmente. Secondo lui l'Italia è abitata da assenteisti e parassiti: sarà vero che lui è così efficiente? Ha rispolverato una terminologia scelbiana, il "culturame". Scambia le eccezioni con la massa del cinema italiano fatto di serietà, passione, sacrificio".

Perché il cinema fa sempre notizia quando se ne parla male?
"Perché funziona la demagogia. Sembra che in Italia non si siano fatti gli ospedali per colpa del cinema. Semmai il cinema ha contribuito a sensibilizzare le coscienze sui grandi problemi. È una visione malata quella di Brunetta. Il cinema italiano è stato messo in ginocchio da questo governo, e a dispetto di questo ha fatto miracoli. Il malato dovrebbe essere morto da un pezzo e invece ogni anno ci sono sempre uno, due, tre film che ricordano al mondo che il cinema italiano esiste. Ma si informi, Brunetta. Siamo gente che sgobba, che crede, che fatica".

Le lodi in anteprima di Berlusconi non le hanno fatto un favore.
"Io l'ho saputo a Venezia. Aveva chiesto di vedere il film, alla fine della proiezione organizzata per lui (lo ha visto tutto) sono andato a salutarlo e mi ha detto delle belle cose. Per me era finita lì. Quando ho saputo delle sue dichiarazioni ho capito subito che sarebbero state usate maliziosamente: se ha detto che gli è piaciuto vuol dire che tu e lui siete "tutta una cosa". Sebbene io ritenga che abbia parlato in buona fede, mi ha sorpreso che una persona così esperta di comunicazione abbia tanto sbagliato il timing. Meglio sarebbe stato se i suoi generosi complimenti si fosse limitato a farmeli privatamente. Ha condizionato? Non credo. Se così fosse lo riterrei più grave che se Medusa mi avesse censurato. E nessuno pretendeva un premio "obbligatorio", a Venezia".

Il nonno Cicco del film è suo nonno, papà Peppino è suo padre, e il bambino Pietro è lei.
"Avevo in testa di restituire la dimensione eroica che da ragazzino percepivo dal comportamento di chi mi era vicino. Sono nato nel '56. I racconti della guerra per me erano omerici: come uomini minuscoli avevano vissuto fatti maiuscoli. L'essere comunista di mio padre ne faceva parte. Il suo inseguire il sogno di migliorare la vita di tutti sposando un'ideologia controversa, malvista, sofferta. Il film contiene nostalgia per una politica migliore. Sono contento che Berlusconi abbia apprezzato un comunista che tornando dall'Urss capisce che con quel comunismo non ha niente in comune. Ma non ha citato quando lo stesso comunista rivendica l'originalità del proprio comunismo non rinnegato".

Il film dice che non basta sventolare stracci rossi.
"Mi sento coerentissimo con quegli insegnamenti. Ho imparato da quegli esempi a non fare mai l'errore di ritenere che gli avversari sono sempre e tutti mascalzoni disonesti e stupidi. E tutti quelli che la pensano come me onesti bravi intelligenti. Succede anche il contrario. Se non si accetta l'idea del convivere con chi è diverso non si va avanti. Questo è il bipolarismo. Ecco, forse ho fatto un film sul bipolarismo".

 

film

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni