film

INTO THE WILD - Sean Penn - 2007 - USA - 140'

Tratto dal libro di Jon Krakauer "Nelle terre estreme" che racconta la storia vera di Christopher McCandless.

Chriss dopo la laurea, mentre i genitori pensano orgogliosi al suo futuro, dona in beneficenza tutti i suoi risparmi, brucia le carte di credito, brucia gli ultimi dollari e parte con zaino in spalla per raggiungere l'Alaska.

La sua è una fuga dalla civiltà al grido di  "Niente telefoni, piscina, gatti e sigarette".

In 132 giorni durante i quali lavora solo per andare avanti nel suo viaggio e procurarsi quanto gli servirà in Alaska a vivere nella natura selvaggia, Chriss attraversa molti stati dell'America e incontra molte persone che come lui fuggono ma in maniera non così radicale: ici sono tutti i "vagabondi" della cultura americana alta e popolare e se non li incontra ne ripercorre i modelli.

Incontra una comunità di hippies che nel frattempo sono cinquantenni in roulotte, prende in corsa i lunghi treni merci come si faceva negli anni della depressione.

Amico è un vecchio generale a cui moglie e figlio sono morti in un incidente dopo che aveva lavorato tutta la vita per una vita tranquilla.

Raggiunge l'Alaska in pieno inverno, armato di una carabina per cacciare e mangiare e di libri di botanica che per ogni terra attraversata lo aiutano a distinguere le bacche commestibili da quelle velenose.

Passa l'inverno al riparo dentro ad un autobus, che chiama magic bus, adattato a dimora da qualcun altro prima di lui.

E poi in primavera, allo scioglimento dei ghiacci e all'ingrossarsi de fiume...

 

Il progressivo distacco dal mondo verso la natura e i precedenti di vita di Chriss sono raccontati anche dalla voce fuori campo della sorella, unica fra tutti che aveva capito quanto e da quanto tempo e perchè Chriss avesse meditato questo viaggio.

Montaggio a-temporale a cui ci stiamo abituando  e che speriamo non diventi un nuovo manierismo.

E il viaggio diventa ascesi tanto più si allontana dal contatto con gli altri uomini. Sulle prime c'è il progressivo alleggerirsi e liberarsi da tutto il uperfluo. Poi c'è la contemplazione delle piccole verità fino alla comprensione ultima, che "la felicità non è reale se non è condivisa".

Non a caso Sean Penn divide il viaggio di Chriss in capitoli che per analogia percorrono le fasi della crescita in consapevolezza dell'essere umano: infanzia, adolescenza, età adulta.

 

Il più bel film degli ultimi... tre anni... quattro...


 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni