percorsi

J-horror

Dove "J" sta per Japan (Giappone)

Fenomeno più sfaccettato di quanto non si creda.

Intanto diciamo subito che l'origine del J-Horror può essere rintracciata nelle storie di fantasmi relative a due periodi precisi

il periodo Edo: dal 1603 al1867 quando la famiglia Tokugawa detenne, con lo shogunato, il massimo potere politico e militare nel paese. Il nome deriva da quello della capitale, Edo appunto, ribattezzata Tokyo nel 1869
il periodo Meiji:  conosciuto anche come "periodo del regno illuminato", sono i 45 anni di regno dell'imperatore Meiji, dal 23 ottobre 1868 al 30 luglio 1912. E' il primo imperatore dopo secoli di schogunato. E' un periodo di profonde riforme e rinnovamento, nota come Rinnovamento Meiji, che modifica la struttura politica, sociale ed economica del paese in senso occidentale e che porta, fra le altre cose, alla  costituzione giapponese.
 

Le storie di fantasmi di questi periodi sono conosciute anche come genere kaidan; le storie rotano intorno agli yūrei, fantasmi giapponesi, quelli che non sono riusciti a lasciare il mondo dei vivi per via di una qualche emozione che non li fa trapassare. A seconda del tipo di emozione, gli yurei si manifestano in forme diverse. I più comuni nel cinema J-Horror sono gli onryō, yūrei tenuti sulla terra dal desiderio di vendetta.
Come molte creature del folclore, tipo vampiri o licantropi, gli yūrei hanno un aspetto tipico e si attengono a determinate regole.
Genericamente sono di sesso femminile, indossano abiti bianchi, normalmente il colore con cui vengono vestiti per i funerali. Caratteristici sono i lunghi capelli neri, di solito sul viso, retaggio del teatro Kabuki.

 

I J-Horror tendono a concentrarsi su un horror di carattere psicologico, costruendo la tensione più su ciò che non viene mostrato che non su quello che si vede.

Il primo J-horror a fare irruzione in occidente è stato "Ringu" del 1998.

Dopodichè sono diventati tanto  popolari anche sul mercato occidentale che le case di produzione cinematografiche hanno "rifare" perfino le stesse pellicole, adattandole maggiormente ai gusti dello spettatore occidentale medio.

The Ring è stato il primo di una lunga serie di remake statunitensi.
 

Famosissimo è stato "The grudge" rifacimento di "Ju-On"
E "Pulse" rifacimento di "Kairo"
E "One Missed Call" rifacimento di "The Call".
Interessante notare come molti dei registi delle pellicole originali, sono stati assunti per girare anche la versione americana come  Takashi Shimizu regista di "Ju-On" - "The grudge"

 

E veniamo ai dati strettamente cinematografici.

Si tratta quasi sempre di film che sembrano a basso costo: fotografia tranquilla (interessate per esempio la differenza fra "Ringu" del tutto realistico e "The ring" tutto virato in verde paurosoc), nessun effetto speciale, tutto lasciato alla sceneggiatura e all'azione.

E l'azione in questi film è importante perchè i dialoghi sono scarni ai limiti dell'inesistente. In questo senso sono film moto "cinematografici", nel senso che le immagini parlano molto spesso più delle parole.

Anche la colonna sonora è molto scarna, al massimo un appoggio all'azione.

La direzione degli attori è lontana dai nostri gusti occidentali, si muovono poco, le ragazze-fantasma sembrano catatoniche, spalle piegate, capelli dritti... ma  sono onryō, mica ipercinetici poltergeist!

 

angela :)

film

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni