cia

 

                                                                                                                                                                     

                                                                                                                                                                 TV

 

LA BELLA E LA BESTIA - RAI

di Fabrizio Costa

con Alessandro Preziosi, Blanca Suarez, Massimo Wertmuller, Francesca Chillemi, Andy Luotto

Italia - 2014 - 200'
 

La storia č quella che conosciamo con una variante: nessun incantesimo, nessuna mostruositą nel corpo ma una brutta cicatrice sul visto nascosta da una maschera che copre metą del volto (come nel Fantasma del palcoscenico) e una vicenda di morte e dolore che ha imbrutito l'anima del principe Leon rendendolo un "mostro"

Attorno a lui, a rendere pił realistica la storia, una serie di personaggi mai esistiti nella fiaba: uno zio che fabbrica profumi per i nobili francesi di fine '700 (Profumo), la figlia antipatica da sempre innamorata di Leon che si guarda bene dal ricambiarla, la sua cameriera, gli abitanti del villaggio caduto in miseria.

Il padre di Bella, capitano, perde in mare tutto il carico della ed č costretto a restituire il soldi al principe che ne era il proprietario. E Bella lavorerą fino a estinguerlo.

Questo principe č proprio un fetente libertino e scommette con la cugina che Bella sarą nel suo letto entro tre settimane (ma non ci ricorda per caso Le relazioni pericolose?). Il resto č presumibile.

Ma, a parte le citazioni che possono anche essere gradevoli, quello che stupisce č che agli sceneggiatori, nonostante la ricchezza di personaggi, gli ci vogliono 5 (CINQUE) fughe di Bella prima che amore trionfi. Cinque fughe per 200 minuti... al film della Disney con i soli personaggi canonici, che dura 91 minuti si risolve, come nella favola, con una sola fuga di Belle. Siamo messi male assai. Ma non č una novitą.

 

E poi, povero Alessandro Preziosi condannato a fare il nobile nello stesso castello di Elisa di Rivombrosa e sempre sul finire di un secolo che i nobili francesi li ha allegramente ghigliottinati. E una ragazzotta che, come Elisa, diventa nobile proprio in quel periodo. Chissą perchč non hanno ambientato la storia 50 anni dopo? Anche se. in effetti, gli sceneggiatori uno sforzo lo hanno fatto: i villici insorgono, curiosamente guidati da uno che somiglia a Roberto Saviano ma il principe si redime e forse, nonostante il castello sia nei paraggi di Marsiglia (Marsiglia... la Marsigliese... ma come si fa?), forse molto molto forse non finirą ghigliottinato.

Ma non sarą che questi sceneggiatori la storia proprio non la ricordano?

 

 

fiore di cactus :)

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittą

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni