film

 

LA TUNICA

di Henry Koster

con Richard Burton, Jean Simmons, Victor Mature

USA - 1953 - 135'

 

Siamo ai tempi di Tiberio.

Marcello, nobile romano, è in urto con Caligola, futuro imperatore: gli ha soffiato uno schiavo greco, Demetrio e la vendetta non tarda ad arrivare: Caligola lo fa mandare in Palestina, la provincia più turbolente. E prima d partire si accorge di essere innamorato di Diana, che conosce da quando erano entrambi bambini e che adesso è la pupilla di Tiberio che vuole darla in sposa proprio a Caligola.

Marcello arriva a Gerusalemme proprio mentre sta arrivando Gesù dal cui carisma viene conquistato il suo schiavo Demetrio..

Il resto è cosa nota tranne che sarà proprio Marcello a comandare i soldati romani che eseguono la sentenza di crocifissione, ordine di Pilato, primo e ultimo incarico di Marcello che Diana ha ottenuto da Tiberio che possa subito tornare a Roma.

E è poco prima di partire, a crocifissione avvenuta, che Marcello vince ai dadi la tunica di Gesù: gli basta toccarla una sola volta per cadere preda ad una inspiegabile malattia che lo fa delirare e gli riporta sempre il ricordo del nazareno crocifisso.

A Roma i medici dicono che solo la cosa che ha generato il male può guarirlo e Marcello torna in Palestina dove è rimasto Demetrio con la tunica e nella ricerca oltre alla tunica troverà anche la fede. Tanto che una volta tornato a Roma, pur rinnovando il giuramento di fedeltà all'imperatore, non rinnega Cristo e finisce martire insieme a Diana.

 

Nel panorama dei film "pasquali" intorno alla passione e morte di Gesù, questo non è considerato alla stregua del più famoso Ben Hur (che sarà girato nove anni dopo) ma senza La tunica non ci sarebbe stato Ben Hur e moto altro.

E' questo infatti il primo film girato in cinemascope, il sistema che praticamente moltiplicava per 3 il vecchio schermo quadrato, una delle più importanti invenzioni del cinema, la prima di una serie. Questo perchè il film prodotto dalla Fox, doveva essere la risposta del cinema alla televisione che annunciava il suo strapotere tanto che si può considerare il 1953 l'ultimo anno dell'era non televisiva.

 

Da notare naturalmente il cast stellare, primo fra tutti Richard Burton.

Grandi incassi e nomination all'Oscar.

 

Si rivede solo a Pasqua ma con piacere

 

 

fiore di cactus :)

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni