cartOOn

LE CINQUE LEGGENDE

di Peter Ramsey

con Chris Pine, Hugh Jackman, Jude Law, Alec Baldwin, Isla Fisher (voci)

USA - 2012 - 90'

 

Un terribile pericolo aleggia sul mondo:  l'Uomo Nero (Pitch, da "pitch black", buio pesto) ha deciso di trasformare i sogni d'oro dei bambini in terribili incubi.

L'uomo della una avverte del pericolo i Guardiani dei bambini, Babbo Natale, la Fata dei denti, il Coniglio di Pasqua e Sandman l'omino della sabbia d'oro che porta i sogni belli: occorre aggiungere alla squadra un quinto guardiano e questo è Jack Frost.

Ma Jack non si sente all'altezza, i bambini nemmeno lo vedono e, mentre gli altri guardiani sono tutto lavoro, lui si sente tutto giochi a volte anche dispettosi.

Jack vorrebbe rifiutare, il suo scopo, da quando è diventato quello che è, è sapere davvero chi è, cercare risposte. Ma Babbo Natale lo convince a cercare le risposte dentro di se, ricordare chi era, trovare il suo centro.

E Jack così "scopre" (ricorda) mentre l'Uomo Nero comincia la sua opera di distruzione a partire dal castello dove la Fata conserva i dentini dei bambini che sono anche ricordi. Il rischio è che se tutti i bambini non crederanno più alla Fata, lei scomparirà e la stessa cosa accadrà anche agli altri guardiani-leggende.

L'uomo nero ha anche rapito le aiutanti della Fata e mentre la squadra va in giro a raccogliere i dentini caduti nel frattempo, Jack  aiutandoli ricorda: è diventato quello che è per aver salvato, sacrificando la sua vita, la sorellina che stava per annegare in uno stagno gelato.

 

Grafica in 3D evoluta come ormai siamo abituati, fotografia giustamente notturna dato che le leggende in questione riguardano eventi legati alla notte, dai regali di Babbo Natale ai dentini, ai sogno d'oro alla consegna delle uova di pasqua. Ritmo buono e inquadrature molto dinamiche.

Bella anche l'idea di restituire Jack Frost in forma di ragazzo e non di vecchio.

Cast stellare di voci fra Jude Law e Alec Baldwin anche se nel doppiaggio italiano non possiamo apprezzare.

Apprezzabile la coerenza di aver messo insieme cinque leggende tutte nord europee (personalmente di Jack Frost, che in Inghilterra è più famoso di Babbo Natale, non sapevo nulla)

 

Ma qualcosa in questo film non funziona. Ed è nella sceneggiatura.

 

Frost è l'unico personaggio che deve evolvere e lo deve fare parallelamente alle fasi della battaglia con l'Uomo Nero. Lo può fare ricordando chi era e l'escamotage è che ritrovi i dentini rubati perchè quelli, decide lo sceneggiatore, sono anche ricordi.

Non è chiaro il perchè siano anche sogni. Così come non è necessario che l'Uomo Nero li rubi visto che per deludere i bambini sarebbe bastato rapire le fatine e non far scomparire i denti appena caduti (così come basta non consegnare le uova per far smettere di credere al Coniglio). Il furto dei dentini custoditi nel castello della Fata è infatti funzionale al fatto che siano anche ricordi. Ma del perchè un dente caduto sia anche un ricordo, non c'è traccia e, attenzione, non è un postulato che non necessita di chiarimenti per definizione, come ad esempio "Babbo Natale porta i doni"; è una condizione aggiunta ai fini della storia che non trova riscontro alcuno nelle leggende e che alla domanda "perchè" non trova risposta se non che "è così".

Non procede per causa effetto, non ha nessi logici. Insomma, considerato l'impianto narrativo, NON VA BENE.

E, tanto per cambiare, non capisco lo speriticamento in complimenti e lodi dei critici di Mymovies che di questo film hanno fatto un capolavoro di contenuti; loro, sempre tanto attenti solo a quelli, visto che d'altro non sanno parlare come tutta la critica italiana. Possibile sia sfuggito ai vati la falla dell'impianto narrativo?

Possibile, evidentemente, visto che pare non si siano accorti che la faccenda del sogni ritrovato ricorda la profezia di Harry Potter e che l'ultimo bambino che crede alle leggende è copiato pari pari da La storia infinita.

 

fiore di cactus :)

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni