...io penso...

 

Lo squalo
Sarà che soffro terribilmente il caldo ma d'estate trovo che l'ideale sia provare brividi.
I film preferirti? Quelli con gli uragani stile The day after tomorrow" freddo freddo finalmente.

O se proprio si deve trattare di mare allora che sia mare catastrofico.
E quindi ben vengano le programmazioni terrorifiche stile, come stasera su canale 5, regno solito di vario stupidario istupidente: lo squalo.
Capolavoro assoluto senza bisogno di perderci tempo.
Geniale nel collocare nel mare dentro al quale tutti agogniamo di tuffarci il pericolo mortale il fetente dei fetenti, il mangiatore di uomini.
Una risata cinica sulle vacanze di massa, un brivido vero.


La battuta più bella?
la spedizione è partita con peschereccio del cattivissimo capitano tizio. Il povero comandante Brody, che odia il mare e non sa nemmeno nuotare, è voluto salire a bordo in quanto capo della polizia (l'eroe americano ma lui ci sta simpatico comunque), sta rimestando un secchio di schifezza sanguinolenta che deve servire da esca, si gira e lo vede, lo squalo più grande del mondo, lo vede e arretra, con la sigaretta che gli pende dalla bocca come in un cartoon, e dice sommesso "ci serve una barca più grossa"
Ci serve una barca più grossa... sarà il tono ma io lo trovo di una comicità assoluta, un po' come "ho un buon amico per cena" con cui Hannibal the Cannibal chiude "Il silenzio degli innocenti".
Ci serve una barca più grossa.  Geniale.


Parliamo di scrittura: è vero che lo squalo alla fine sarà ucciso dal bravo poliziotto che non era per niente un eroe, ma quand'è che lo squalo appare? Giusto in occasione del 4 luglio, festa dell'indipendenza e inizio della stagione balneare. Geniale.
E la partenza per la spedizione? c

C'è la stessa allegria, data anche dalla colonna sonora, della partenza della baleniera di Moby Dick, uguale. Geniale.
Come geniale e degna di passare in un manuale è la definizione del povero Brody atterrito dall'acqua: un'isola è un'isola solo se la guardi dal mare. Geniale.
Datecene ancora in queste sere che chi resta in città grazie a lavori sempre meno retribuiti ed è già fortunato perchè lavora, e che soffre il caldo. Possiamo sperare nell'intera serie, di squalo in squalo sempre più misera (Spielberg ha firmato solo il primo, eh bhe!) ma chi se ne frega?
Speriamo.


E speriamo anche nella serie dei piranha, dei mostri sottomarini, delle piovre, dei Moby Dick e di altre acquatiche creature alla faccia dei villaggi, dei pacchetti vacanza e del tutto compreso.
Viva i mostri marini che possono azzannare i culi perfetti e le pelli perfettamente abbronzate di cui è cinicamente (ma se ne rendono conto? dubito) le interruzioni pubblicitarie a questi film.


fiore di cactus

 

                                                                                                                               

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni