film

 

L'UOMO CHE SAPEVA TROPPO

di Alfred Htchcock

con James Stuart, Doris Day

USA - 1956 - 120'

 

Durante una vacanza in Marocco, Ben McKenna, la moglie Jo, famosa cantante che ha lasciato le scene, e il loro bambino vengono coinvolti loro malgrado in una complicata vicenda di spionaggio che deve culminare con un attentato al Primo Ministro Britannico durante un concerto alla Royal Albert Hall.

Quando gli attentatori capiscono che McKenna sa dell'attento, rapiscono il ragazzino e per i coniugi, che sono due tranquilli americani dell'Indiana, comincia l'incubo.

Riusciranno a sventare l'attentato e a ritrovare il figlio grazie alla mamma che canta il suo vecchio cavallo di battaglia: Que sera sera.

 

Il film è un RMK dell'omonimo del 1934 diretto dallo stesso Hitch e all'epoca ambientato in Svizzera e realizzato in Inghilterra

 

Stavolta Hitch gira gli esterni in Marocco e nella sua Londra e gli interni negli studi della Paramount.

 

Terza collaborazione per James Stewart come protagonista di un film di Hitchcock dopo Nodo alla gola e La finestra sul cortile; succederà ancora per Vertigo
La parte della protagonista femminile è affidata a Doris Day: che una cantante potesse essere protagonista di un film , nonostante le perplessità di molti, si rivelò una scelta indovinata, tanto che il film ebbe l'Oscar proprio per la canzone Que sera sera, cosa che rende indimenticabile il film.

E' proprio la musica a scandire tutto il sottofinale del film nella bellissima sequenza "muta", tranne l'urlo di Doris Day che seminerà scompiglio e salverà il primo ministro, dell'attentato durante il concerto. In particolare, oltre a tutte le inquadrature con cui Hitch riesce a dilatare la sequenza e farla durare 10 minuti senza battute, va citata l'inquadratura dei piatti, soggettiva centrale del musicista (è sul suono dei piatti che dovrà partire lo sparo)

 

Volendo parlare della suspence, mentre ne La finestra sul cortile è giocata sullo spazio (il cortile) che separa  il fotografo dall'assassino, qui è tutta giocata sul tempo: i protagonisti sanno che sarà commesso un attentato ma non sanno ne' quando ne' dove.

 

Hith da una parte cita se stesso: la canna della pistola che ruota verso il pubblico ricorda quella del suicida di Io ti salverò. E dall'altra ci sono qui tante anticipazioni: gli animali impagliati anticipano l'hobby del protagonista di Psyco, la aduta nel vuoto in teatro è la punizione per il "cattivo" che Hitch riserverà anche ai protagonisti di Vertigo e Intrigo internazionale

 

E infine Hitchcock stavolta  fa la sua breve apparizione di spalle, mentre assiste allo spettacolo che danno alcuni saltimbanchi nel mercato di Marrakech.

 

 

fiore di cactus :)
 

 

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni