TV: fiction e non solo

LE INCHIESTE DEL COMMISSARIO MAIGRET

di Mario Landi

con Gino Cervi, Adreina Pagnani, Franco Volpi

Italia - 1964/1972 - 4 serie - 16 sceneggiati in 36 puntate - 100/200'

 

Era nato dalla penna di Jacques Simenon, avevano fatto un film con Jean Gabin ma perfino l'autore ha riconosciuto che il nostro italianissimo, bolognese Gino Cervi era il "suo" Maigret.

 

Lo sceneggiato (così si chiamavano) è andato in onda nell'arco di otto anni, quattro serie con una cadenza più o meno ogni due anni.

Un magnifico dolce bianco e nero, quello morbido dato dalle riprese fatte i elettronica (con le telecamere e non in pellicola con la macchina da presa), quello che lo riconosci subito. Da cosa? Eh... dal profumo, direi. Consapevole che si tratta di un attacco di proustiane rimembranze.

Erano gli anni della TV in bianco e nero nel tinello di casa con mamma, della tovaglia a metà del tavolo perchè non era necessario apparecchiare tutto.

All'epoca i "gialli" erano due: il tenente Sheridan e il commissario Maigret. Io preferivo Maigret perchè era simpatico, corpulento e aveva i baffoni. E mi piaceva l'atmosfera, anche e non riuscivo a descriverla come tale.

 

La tecnica era precisa: tutto girato in teatro di posa, ricostruendo anche piccoli esterni come nell'episodio "L'innamorato della signora Maigret" che si svolge in parte nei giardinetti sotto casa. E venivano inserite brevi sequenze, tra cui tutte le sigle, girate in esterni a Parigi per dare verosimiglianza all'ambientazione. Per chi volesse capire "cosa" era la differenza fra pellicola ed elettronica, basta guardare l'inizio di un qualunque episodio.

 

Indimenticabile la sigla seconda, Un giorno dopo l'altro, cantata da Luigi Tenco all'inizio in francese e per i titoli di coda in italiano: per me Maigret è quella canzone. Bellissima, triste, nebbiosa.

 

Nel cast tecnico, come responsabile di produzione per tre episodi, il grandissimo Andrea Camilleri.  

 

Curiosamente, l'ultimo episodio nel 1972 ha coinciso con il ritiro dalle scene di Gino Cervi e con l'ultimo romanzo di Georges Simenon

 

Per chi volesse godere di questo sottile, elegante profumo...

 

 

 

 

 

fiore di cactus :)

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni