film

 

MI PERMETTE BABBO

di Mario Bonnard

con Alberto Sordi, Aldo Fabrizi

Italia - 1956 - 98'

 

Rodolfo ha velleità di cantante lirico e vive alle spalle dei suoceri, famiglia di operosi macellai romani: lui e la moglie vivono con i genitori di lei, Rodolfo non lavora, si alza a mezzogiorno e la sua unica attività è prendere lezioni di canto da un maestro che è orami fuori dai giri e che viene pagato in natura con prelibati tocchi di carne dalla macelleria del suocero.

 

Alberto Sordi tira fuori la sua voce che è veramente da basso e prende in giro il "tipo" di turno come farà per tutta la sua carriera.

 

Gigantesco camera-look suo e di Aldo Fabrizi sui titoli di testa e niente mi leva dalla testa che ricordano troppo quelli di Oliver Hardy per essere casuali, dato che di Sordi era stato il doppiatore italiano.

 

Per chi lo avesse cercato senza fortuna, è questo il film dove Sordi alla fine si impone al finale della Traviata con la battuta "è spenta", battuta che lo stesso Verdi aveva levato dalla partitura e che nessuno ha mai più cantato. Ma Rodolfo vuole prendersi la scena...

 

Nel cast tecnico-artistico, nomi che saranno la storia del cinema italiano: aiuto regista Sergio Leone, sceneggiatura anche di Ettore Scola.

 

Ancora uno scorcio del centro di Roma abitato da classi popolari. Stavolta siamo a S. Maria della Pace, alle spalle di piazza Navona che negli stessi anni era location di Poveri ma belli.

 

fiore di cactus :)

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni