film

NUOVO CINEMA PARADISO

di Giuseppe Tornatore

con Philippe Noiret, Jacques Perrin, Cascio, Agnese Nano, Pupella Maggio, Leo Gullotta, Leopoldo Trieste, Isa Danieli

Italia/Francia - 1988 - 123'/155'

 

A Giancaldo negli anni dopo la guerra, il cinema è l'unico divertimento; anche per Salvatore che sul cinema sembra avere sviluppato una specie di malattia. Salvatore non si può nemmeno dire che è orfano perchè il padre non è mai tornato dalla guerra e la madre non si decide ad accettare la morte presunta. Così il bambino si è affezionato ad Alfredo, il proiezionista del Cinema Paradiso, cinema parrocchiale dove il prete passa a rigorosa censura tutte le scene d'amore che sono solo baci più o meno appassionati ma che per la Sicilia degli anni 50 sono scandalosi.

E Salvatore cresce e diventa un regista famoso...

 

Quando ho visto questo film ho avuto quasi la certezza che sarebbe stato il secondo e anche ultimo film di Tornatore (il primo, non troppo famoso, era stato "Il camorrista") perchè era come se avesse fatto una opera omnia, un gigantesco tributo alla Sicilia, alla voglia e alla necessità di andare via, alla propria storia personale, al cinema... E quando uno ha detto tutto questo, come fa a fare un latro film?

Invece Tornatore ha continuato, secondo me in maniera ondivaga, passando da picchi altissimi a pellicole modeste e poi di nuovo a grandi vette (La leggenda del pianista sull'oceano, La Sconosciuta, Baaria)

 

Ma tornando a "Nuovo cinema Paradiso", Giuseppe Tornatore nel giugno 2010 ha ricordato: "Quando il film uscì nel 1988, nelle sale italiane non andò a vederlo nessuno. Gli incassi furono disastrosi, tranne a Messina, dove il film andò benissimo e non capivamo il perché. Il gestore del cinema "Aurora" si ostinò a tenerlo in cartellone, invitò la gente a entrare gratis e se il film fosse piaciuto alla fine avrebbero pagato. Fu un trionfo che poi si espanse in tutta Italia"

 

La versione internazionale di questo film (che a differenza della versione originale di 155 minuti, è stata ridotta a 123 minuti) ha vinto il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes del 1989 e l'Oscar per il miglior film straniero.

Non succedeva da decenni e abbiamo pensato che il cinema italiano rinasceva.

 

fiore di cactus :)

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni