eventi

Nomination agli Oscar 2008

                             le schede dei film selezionati
Questa volta non ce l'ha fatta. Giuseppe Tornatore, già premio Oscar nel 1990 con "Nuovo Cinema Paradiso", non è riuscito a entrare nella cinquina del miglior film straniero, dove era stato selezionato per rappresentare l'Italia con La sconosciuta. E' invece entrato in lizza per la miglior colonna sonora originale Dario Marianelli, autore delle musiche del film Espiazione, fresco vincitore del Golden Globe e già candidato nel 2005 per le musiche di Orgoglio e pregiudizio. Nella stessa categoria anche Marco Beltrami, la cui carriera si è sviluppata a metà tra Italia e Stati Uniti, candidato per la colonna sonora di Quel treno per Yuma.

Tra gli italiani in gara tornano Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo per le scenografie di Sweeney Todd di Tim Burton. E ancora, c'è anche il cortometraggio Il supplente dell'italiano Andrea Jublin che ha ottenuto la nomination per i migliori corti.

In questa ottantesima edizione degli Oscar, i film con più candidature sono Non è un paese per vecchi dei fratelli Coen e Il petroliere di Paul Thomas Anderson, che ne hanno conquistate otto a testa. Seguono Espiazione di Joe Wright e Michael Clayton di Tony Gilroy con sette. Grande successo con 5 nomination per il film animato della Disney Ratatouille.

I candidati per il miglior film dell'anno sono Espiazione di Joe Wright, Juno di Jason Reitman, Michael Clayton di Tony Gilroy, Non è un paese per vecchi di Ethan e Joel Coen, Il petroliere di Paul Thomas Anderson. Nella categoria miglior regia ci sono oltre a Juno, Michael Clayton, Non è un paese per vecchi e Il petroliere anche Lo scafandro e la farfalla di Julian Schnabel.

In gara per la migliore interpretazione maschile ci sono George Clooney per Michael Clayton, Daniel Day-Lewis per Il petroliere, Johnny Depp per Sweneey Todd, Tommy Lee Jones per Nella valle di Elah, Viggo Mortensen per La promessa dell'assassino.

Nella categoria miglior attrice hanno ottenuto la candidatura Cate Blanchett per Elizabeth: The Golden Age (che ha ottenuto anche la nomination nella categoria non protagonista nei panni di Bob Dylan in Io non sono qui), la francese Marion Cotillard per il ruolo di Edith Piaf in La vie en rose, Julie Christie per Away from her, Laura Linney per La famiglia Savage, Ellen Page per Juno.

Per la statuetta alla migliore attrice non protagonista la lotta sarà tra Cate Blanchett, Ruby Dee per American Gangster, Saoirse Ronan per Espiazione, Amy Ryan per Gone baby Gone, Tilda Swinton per Michael Clayton. Per quanto riguarda gli attori non protagonisti la cinquina è composta da: Casey Affleck per L'assassinio di Jesse James, Javier Bardem per Non è un paese per vecchi, Philip Seymour Hoffman per La guerra di Charlie Wilson, Hal Holbruk per Into the wild di Sean Penn, Tom Wilkinson per Michael Clayton.

Tra i film d'animazione, tre le nomination: Ratatouille della Disney, Persepolis e Surf's Up entrambi Sony Pictures Classics. La Disney incassa inoltre ben tre candidature, ovviamente sempre nella categoria animazione: miglior canzone originale per Come d'incanto con i brani Happy working song, So close e That's how you know di Alan Menken e Stephen Schwartz. E ancora Ratatouille è in gara anche per la colonna sonora composta da Michael Giacchino e per la migliore sceneggiatura originale scritta da Brad Bird (in gara con Juno di Diablo Cody, Lars e una ragazza tutta sua di Nancy Oliver, Michael Clayton di Tony Gilroy e La famiglia Savage di Tamara Jenkins).

Across the universe, il musical con le canzoni dei Beatles ha ottenuto solo la candidatura per i miglior costumi. Il cacciatore di aquiloni, il film che Marc Forster ha tratto dal romanzo di Khaled Hosseini, è in gara nella categoria miglior colonna sonora, con le musiche composte da Alberto Iglesias. Michael Moore ha conquistato la nomination per il miglior documentario con Sicko. Ancora un film targato Disney, Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo, Transformers della Dreamworks e La bussola d'oro della New line sono i tre film in lizza nella categoria effetti visivi.

I cinque titoli per il miglior film straniero sono Beaufort (Israele) di Joseph Cedar, Il falsario (Austria) di Stefan Ruzowitzky, Mongol (Kazakhstan) di Sergei Bodrov, Katyn (Polonia) di Andrzej Wajda e 12 (Russia) di Nikita Mikhailkov.

Ma l'interrogativo maggiore per questa ottantesima edizione degli Oscar è quello che pesa sulla cerimonia, in programma il 24 febbraio a Los Angeles, a rischio per lo sciopero degli scrittori di Hollywood. La cerimonia che non si è mai fermata di fronte a nulla potrebbe essere cancellata dagli autori di cinema e tv che proseguono la protesta a oltranza, non avendo avuto alcun effetto l'accordo per il nuovo contratto raggiunto pochi giorni fa dal sindacato dei registi e gli Studios.

L'annullamento della cerimonia di consegna dei Golden Globe è indicativa, e se gli attori rifiuteranno di attraversare per solidarietà lo sbarramento degli scrittori in lotta salariale, gli Oscar dovranno rinunciare alla sfilata sulla pedana rossa dei divi del cinema e la cerimonia sarà inevitabilmente in tono minore. Ma alla Academy assicurano che la cerimonia, con o senza attori in sala, si terrà ugualmente.

(la Repubblica 22 gennaio 2008)

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni