percorsi

Il comunismo italiano: Peppone e don Camillo

"Durante la notte fra il 6 e il 7 novembre 1917 formazioni armate bolsceviche occuparono tutti i punti strategici di Pietrogrado. L'8 novembre presero d'assalto e conquistarono il palazzo d'inverno, un'antica residenza imperiale dove era riunito il governo Kerenskij. Istituirono poi il nuovo governo rivoluzionario: il soviet dei commissari del popolo. Secondo il calendario allora in uso in Russia la data del 7 novembre corrispondeva al 25 ottobre. E' per questo che la rivoluzione iniziata in quel giorno è nota come la Rivoluzione d'Ottobre."

 

A novanta anni di distanza, un itinerario nel cinema italiano che ci sembra significativo alla luce della nascita del Partito Democratico di Walter Veltroni, storica evoluzione, al di là di tutti i distinguo per i quali non è questa la sede, del PCI-PdS-DS.

 

Il contatto profondo fra comunismo e cattolicesimo è stato ben raccontato nella serie di Peppone e don Camillo, antagonisti ma complementari nella cultura e nel sentire degli italiani degli anni '50, quel sentire che venne definito successivamente "catto-comunismo".

 

Gino Cervi resterà per sempre Peppone, nonostante la sua carriera fosse stata costellata da grandi interpretazioni e Fernadel sarà per sempre Don Camillo malgrado fosse francese.

 

Colpisce, a distanza di 60 anni e considerando il clima culturale nel quale i film venivano prodotti in una Italia dove c'era sì la presenza di un forte partito comunista ma governi democristiani privi in quegli anni di qualsiasi apertura, l'equilibrio fra i personaggi in questi film: ad una prima lettura sembrerebbe essere don Camillo a "vincere" ma Peppone emerge sempre con la sua grandissima umanità è al di sopra di tutti c'è un Gesù che spesso punisce proprio il prete don Camillo in nome della giustizia. Un comunismo italiano, profondo e radicato che avrebbe avuto le sue logiche evoluzioni.

E colpisce, ma fino ad un certo punto, che sia stato un regista francese a dare il va alla serie per i primi due film.

Molti di noi sono cresciuti e si sono riconosciuti in questi film "minori".
 

Don Camillo

Il ritorno di Don Camillo

L'onorevole Peppone

Don Camillo Monsignore ma non troppo

Il compagno Don Camillo

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni