film

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO - Luigi Comencini - 1972 - Italia - 5h

Realizzato per la televisione in sei puntate, è il Pinocchio con attori che resterà indimenticabile e col quale tutte le edizioni saranno inevitabilmente paragonate. E del resto non può che essere così data la straordinaria levatura di un Maestro del cinema come Luigi Comencini.

 

Avendo a disposizione sei puntate, Comencini vuole e riesce ad attenersi alla favola praticamente in tutti i passaggi tranne la parte finale che "taglia" con la salvezza dalla pancia della balena-pescecane (vecchia disputa).

Ma nello spirito trasforma il suo Pinocchio in una favola fatta di sommessa tristezza dove si scorgono scenari che erano stati del neorealismo e della miseria della povera gente.

e lo fa nonostante scelga come protagonisti molti attori famosi per essere comici; indimenticabile, ineguagliato e da spaccare il cuore Nino Manfredi nella parte di Geppetto; straordinari Franco Franche Ciccio Ingrassia nei ruoli del Gatto e la Volpe, entrambi grandissimi artisti che in quegli anni la critica snobbava per le loro (francamente brutte)produzioni commerciali (sarà lo stesso per Totò, rivalutato da PIer Paolo Pasolini in "Uccellacci e Uccellini" e Ingrassia lavorerà In "Amarcord" di Fellini)

In piena regola da commedia all'italiana il film, oltre a questi, aveva un cast "stellare": Gina Lollobrigida nel ruolo della Fata Turchina, l'unica fino ad ora ad avere davvero i capelli blu, Vittorio De Sica (ebbene sì) nella parte del giudice, Lionel Stander nella parte di Mangiafuoco, Mario Scaccia in quella del dottore, Zoe Incrocci in quella della lumaca.

Straordinarie le musiche di Fiorenzo Carpi.

E infine il piccolo Andrea Balestri, che all'epoca aveva 5 anni, toscano come Pinocchio che recita con il suo giusto accento, un bambino che "prodigio" non è diventato (pare che adesso lavori in un impresa di pulizie) e che ha solo interpretato se stesso in "Faccia di Picasso" di Massimo Ceccherini. 

 

Notevoli per l'epoca gli effetti speciali: Pinocchio quando è burattino è veramente di legno e cammina e corre e nuota. Bellissima la balena-pescecane e il suo stomaco, delizioso il tonno di cui vale la pena di citare la frase che dice quando crede che sarà digerito: se nasci tonno è più dignitoso morire sottacqua che morire sott'olio.

 

angela cannizzaro :)

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni