film

AI - ARTIFICIAL INTELLIGENCE - Steven Spielberg - 2001 - Usa - 143'

In un futuro forse non troppo lontano, gli oceani si sono sollevati e lo spazio per l'umanità è diventato poco, tanto da non consentire nuove nascite se non dietro autorizzazione.

Una copia di fortunati ha un figlio che muore, anzi, è "in sospensione" ma senza alcuna speranza di tornare in vita.

Una società che già da <tempo costruisce robot del tutto simili agli esseri umani, affida loro il nuovo prototipo: un "mecca" (organismo meccanico) bambino a cui la madre potrà dare l'imprinting per farsi amare e farne il super giocattolo per compensare in parte il suo dolore prendendosene cura.

Ma il figlio torna in vita. Davanti ai problemi inevitabili, lei riesce solo ad abbandonare David nella foresta senza restituirlo perchè, non essendo reversibile l'imprinting, sarebbe distrutto.

 

Comincia così l'avventura dolorosa di David che, pensando alla favola di Pinocchio che la madre gli ha letto, si mette in cerca della Fata Turchina perchè, diventando un bambino vero, la mamma potrà amarlo e tenerlo sempre con se.

 

L'idea di questo film era stata di Stanley Kubric e alla sua scopmparsa, ripresa da Steven Spielberg.

E in effetti alcune atmosfere, specie quelle degli interni della casa, sono abbastanza kubrikiane.

Bello il gioco del doppio fra David-mecca e Martin-vero, entrambi figli amati.

Bella la trasformazione della città dei balocchi in città rutilante come una futuribile Las Vegas dove però si consuma l'orrore della "fiera della carne", la distruzione dei mecca da parte degli umani integralisti a cui David sfugge solo perchè tanto "vero" da essere scambiato per un bambino. E non manca una trasposizione di Lucignolo, un altro mecca gigolò progettato per l'amore.

 

Bella l'idea che la fine del mondo sia Manhattan che, come in tanta cinematografia, è sommersa dalle acque e dove David dopo moltissimo tempo incontrerà la sua Fata Turchina con un finale che non rivelo perchè è troppo bello.

 

Sconcerta la considerazione che tutti i robot della cinematografia siano in fondo Pinocchio nel loro desiderio di diventare "umani". E di come Pinocchio, da questo punto di vista, sia la prima Intelligenza Artificiale della storia. D'altra parte era già la fine dell'ottocento. Perchè no?

 

angela cannizzaro :)

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni