cia

 

                                                                                                                                                                     

                                                                                                                                                                  film

 

PREDESTINATION

di Michael Spierig e Peter Spierig

con Ethan Hawke, Sarah Snook, Noah Taylor, Christopher Kirby, Madeleine West

Australia -  2014 - 97'

 

Un agente tenta di sventare un attentato ma qualcosa va storto, c'è qualcuno che gli arriva alle spalle, si verifica una piccola esplosione che però ustiona il volto dell'agente anche se evita il disastro. e la cosa strana è che è proprio chi gli ha sparato che gli avvicina la custodia di un violino, come se lo volesse aiutare. E l'uomo si ritrova in ospedale, premiato ma con il volto completamente cambiato da vari interventi di innesto.

 

Si riprende e dopo un po' gli viene riconfermato l'incarico di cercare di evitare il terribile attacco del terrorista e gli viene riconsegnato non solo la custodia del violino ma anche uno speciale orologio che indica la data di "oggi".

E così si capisce che quel violino è una macchina del tempo, in dotazione a speciali agenti che sventano grandi crimini.

Il nostro agente salta nel tempo in cui, mentre fa il barista come copertura, arriva un uomo strano che gli racconta una storia ancora più strana: era stata abbandonata quando era neonata n un orfanotrofio. Era cresciuta diversa, forte e isolata. Poi aveva incontrato un uomo di cui si era innamorata e che era scomparso lasciandola incinta. All'atto del parto si era scoperto che aveva un doppio apparato genitale ma che quello femminile era stato irrimediabilmente compromesso, tanto da convincere i medici ad attuare un cambiamento di sesso. La bambina viene misteriosamente rapita e Jane diventa John.

A questo punto del racconto, l'agente che ATTENZIONE, ha cambiato volto e di cui non sappiamo il nome e che salta nel tempo, lo assolda perchè, saltando nel tempo uccida "l'uomo che gli ha rovinato la vita".

E così di salto in salto si scopre un meccanismo che è troppo bello per non raccontarlo.

John è in realtà l'uomo di cui Jane si innamora ed è l'agente che rapisce la bambina Jane, decenni prima e la abbandona in orfanotrofio. Ed è normale che la bambina abbia un doppio apparto genitale perchè nata dalla parte femminile e maschile della stessa persona.

Ma c'è di più: l'agente che salta  nel futuro è lo stesso terrorista che sta cercando.

E ancora, meraviglioso, alla fine si capisce che John-Jane sono la stessa persona in tempi diversi e con facce diverse dopo le ustioni.

 

Il tema è sempre quello delle interazioni passato presente futuro ma... eh.... che confusione e a rivederlo la seconda volta, che matematica precisione.

E che sceneggiatura a monte. Che controllo!

 

In fondo pochi trucchi e molto lavoro di scenografia e costumi.

Alterate, ma chi se ne frega visto che il cinema è la fabbrica dei sogni, tutte le regole della relatività spazio-temporale con la conseguenza che nonostante il tanto tempo attraversato e su cui si interviene, resta la sensazione di un eterno presente circolare: c'è una bambina nata da una ragazza che è lei e da un un uomo che è sempre lei, che da grande cerca un uomo che è s stesso e che per un qualche motivo vuole fare un terribile attentato.

 

Semplicemente intrigantissimo. Resta il mistero del titolo che è fuorviante: che c'entra la predestinazione in una storia circolare per effetto della fisica?

 

 

fiore di cactus :)

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni