TV: fiction e non solo

Questi fantasmi di Massimo Ranieri

Personalmente non condivido perchè in definitiva questa edizione mi è piaciuta, forse proprio per i ritmi e i tempi cupi che sono stati criticati. Ma riporto l'articolo di fanpage.it perchè mi sembra dia spunti di riflessione critica.

 


Delusione (non solo) d’ascolti

Massimo Ranieri, con la sua "Questi Fantasmi", delude il pubblico, soprattutto gli estimatori del teatro di Eduardo: la sacralità della scena del caffè trasformata in una televendita alla Giorgio Mastrota.

L’impresa ardua di Massimo Ranieri ormai è ben nota a tutti. Riportare il Grande Teatro di Eduardo nelle case degli italiani attraverso rifacimenti e riletture “tradotte” per tutto il pubblico nazionale. L’istrione però, con Questi Fantasmi, stavolta ha toppato, alla grande. Gli ascolti tv deludono (soltanto 3,6 milioni di telespettatori con il 13,74% di share) e storce, e non poco, il muso tutta l’Italia che ama Eduardo.

Ma, del resto, a Napoli quest’operazione di Massimo Ranieri non è stata mai vista di buon’occhio e, se per le precedenti Filumena Marturano e Napoli Milionaria, nonostante le critiche a pioggia di firme autorevoli e noti addetti ai lavori, ci si sentiva, comunque, di operare dei “distinguo” ed applaudire allo sforzo del cantante di omaggiare il Grande Eduardo, questa volta vedere un capolavoro di genere trasformato quasi in un horror tedesco stile “Il gabinetto del Dottor Caligari”, fa venire davvero la pelle d’oca.

Massimo Ranieri delude, ecco il pensiero degli attori emergenti
In primis, la delusione nei confronti della versione di Questi Fantasmi offerta da Massimo Ranieri parte valutandone i ritmi eccessivamente serrati, nella scelta delle musiche e degli effetti che, nonostante siano sapientemente realizzate da Ennio Morricone, stonano e distolgono anzichè accompagnare lo spettatore nell’attenzione. Delude anche il cast, ad eccezione del bravissimo Ernesto Lama che interpreta Raffaele, il portiere (l’anima nera). L’attore porticese è l’unico, nella sua intepretazione, a tenere bene il personaggio sapendo ben unire fedeltà e innovazione recitativa. Non è una sorpresa: si è sempre distinto in ogni ruolo che Ranieri gli ha affidato nei due precedenti lavori.

Menzione speciale per il personaggio di Carmela, sorella di Raffaele (l’anima dannata), interpretata dalla bellissima Ester Botta. Ed è proprio quello il punto: è troppo bella. Dovrebbe spaventare, dovrebbe farci “interrogare” su molti aspetti ma risulta essere addirittura sexy per il modo in cui è truccata, quasi preparata per andare ad una festa hardcore.

Per aiutarci a capire di più il lavoro di Massimo Ranieri, abbiamo chiesto alla nuova generazione di artisti, quella emergente, un parere su quanto visto ieri sera. Mimì De Maio, cantautore innovativo ed eclettico, classe 1985, esperto in eventi di massa e flash mob ha visto in Ranieri, luci e ombre: “Massimo Ranieri ormai lo conosciamo in troppe vesti, quindi per quanto sia bravo non riesco a compenetrarmi nella storia e vederlo come un personaggio, ma sarà sempre Ranieri che fa De FIlippo. Tecnicamente però è ineccepibile e credo che valga sempre la pena riproporre opere del genere anche fatte da cani, perchè aiuta a mantenere nel bene e nel male la memoria storica. Quindi lunga vita a queste operazioni!”.

 

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni