...io penso...

 

Il nostro grande cinema: forse non tutti sanno che....

A volte dei ruoli valgono una intera carriera.
Impossibile immaginare un volto di un attore al posto di un altro

Divertiamoci a scoprire cosa sarebbe successo se.....

Prendiamo il mitico " Via col vento", tutti sanno che fu molto travagliato sia come regia che come attori. per questo romanzo della Mitchell nel ruoli degli interpreti ci furono dei passaggi di provini unici della storia del cinema.
Le attrici del tempo si accapigliarono sia dal vivo che sui giornali pur di avere la parte della egocentrica Rossella O'Hara, la scelta cadde su Bette Davis ma.... sapendo che l'interprete maschile sarebbe stato Erroll Flinn la Davis lasciò tutti di stucco abbandonando il set dicendo che mai avrebbe lavorato con quel ubriacone di Flinn.
Allora subentrò la dolcissima Vivien Leigh e Gary Cooper ma.....rileggendo il copione
il nostro eroe disse che sarebbe stato una fiasco e se ne andò.
Ecco allora il mitico Clark Gable, accettò e tutti, dico tutti,  sappiamo come andò a finire.

Che dire poi del storico film "Casablanca"?
Nei ruoli di Bogart e di Bergman abbiamo rischiato di trovare sia Ronald Reagan che Michel Morgan e allora "Provaci ancora Sam" sarebbe stata un altra cosa.

Anche Mike Nichols con il suo "laureato" voleva Robert Redford, bravo, bello ma... la scelta sul giovane Dustin Hoffman ci ha regalato un volto e un personaggio mitico.

Il formidabile Al Pacino aveva rischiato la sua carriera perché la parte del giovane Michel Corleone era stata assegnata a un gigione Jack Nicolson, con tutto l'affetto per Jack...è stato meglio così.

E lo stesso Al Pacino rifiutò il ruolo del padre tutto fare in "Kramer contro Kramer" per lasciarlo al perfezionista Dustin Hoffman.

Per la storia un po' melensa di Pretty Woman la produzione scelse l'attricetta Molly Ringwald, una interprete di sit-com americani ma lei rifiutò il ruolo della prostituta... e questa  scelta ci mostrò un julia Roberts in forma smagliante.

Possiamo continuare con "Apocalipse now" mentre Coppola contattava il grande Steve McQueen il povero Steve era già minato dal male e non potè accettare, mori di li a pochi mesi. La scelta fu del irriverente Harvey Keitel, ma i contrasti furono tanti e fu cacciato  a favore di un semi sconosciuto Martin Sheen.

Ridley Scott per il suo "Gladiatore" aveva scelto Mel Gibson, ma lui era intento a leggere il copione del "Patriota" e rifiutò il ruolo attribuendolo al fatto che il genere il colossal storico era morto e sepolto e scelse l'altro film che fu un fisco ai botteghini mentre "Il gladiatore" resta nelle storia del cinema.

Per il film "Chigaco" il ruolo della Zeellweger era tutto e solo di Madonna, che come al solito fece le solite bizze per la bellezza mozzafiato della Zeta Jones, e se andò.

Quentin Tarantino andò a casa di Warren Beatty con la storia di "Kill Bill" ma il mitico Beatty non credette molto alla storia della sposa maltrattata, e addirittura il film diviso in due volumi e cosi' ripiegò su David Carradine nel ruolo del cattivissimo Bill.
 

Provate a immaginare queste piccole e grandi cose, questi volti, se fosse stato così sarebbero stati grandi film lo stesso?

Alla prossima

ubaldo detto duccio

 

film

TV - fiction

eventi

percorsi

dai giornali

io penso...


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni