film

SCIOPEN

di Luciano Odorisio

con Michele Placido, Adalberto Maria Merli, Giuliana De Sio

Italia - 1982 - 106'

Chieti. Pare che si voglia rimettere in piedi l'orchestra sinfonica, 120 elementi e si da per scontano che a dirigerla sia Francesco, insegnante di musica alle scuole medie e attualmente direttore del coro polifonico cittadino. Ad "aiutarlo" nel conferimento dell'incarico c'è Marta, la moglie, che è da tempo l'amante del più noto e ricco e potente avvocato della città. E su tutti c'è Nicolino, infermiere, che senza nessun motivo di interesse personale, mette in giro la voce che forse sceglieranno Andrea, amico d'infanzia di Francesco che da anni vive a Milano, direttore d'orchestra più importante e famoso.

Andrea, che in realtà attraversa un momento di calo professionale, arriva così a Chieti.

E il resto non ve lo dico perchè il film merita la fatica di essere prima trovato e poi visto.

Sì, prima trovato, perchè nonostante sia stato Leone d'Oro e inoltre premiato come opera prima, il film sarebbe introvabile se lo stesso Luciano Odorisio non lo avesse messo su Youtube, alla faccia dei diritti d'autore e, tutto sommato, con uno sguardo al futuro.

Chieti... se è vero che si racconta bene quello che si conosce (basta ricordare Tornatore), allora Luciano Odorisio ha raccontato benissimo la sua Chieti, senza retorica nè melense malinconie, con ironia come nella migliore tradizione della nostra commedia.

A Chieti gli amanti si incontrano in macchina tra gli alberi della collina di fronte: e come potrebbero andare in albergo in una città dove tutti si conoscono? Certo lui possiede molte case ma come la metterebbero coi vicini?

A Chieti può succedere che Nicolino semini zizzania senza alcun interesse personale, solo perchè qualcuno "rischia" di diventare un po' più famoso degli altri e perchè sua moglie si è montata la testa.

 

Il film fu girato in 16mm e in presa diretta fidando sulla bravura degli attori. Una nota particolare su Adalberto Maria Merli in un ruolo da persona buona e velata di malinconia, lui, il grande cattivo del nostro cinema, a riprova che quando uno è un grande attore...

Godetevelo questo Sciopen perchè merita davvero.

 

angela :)

film

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni