film

 

STARGATE

di Roland Emmerich

con Viveca Lindfors, Kurt Russell, Mili Avital, James Spader, Jaye Davidson

USA, Francia -  1994 - 119'

 

Grazie ad un giovane e brillante linguista ed egittologo deriso dalla comunità scientifica per le sue teorie che retrodatano le piramidi, si scopre che un certo reperto trovato a Giza nel 1928 è un congegno che permette un passaggio verso un remoto pianeta nella costellazione di Orione, è uno Stargate.

 

Qui si scopre che una astronave a forma di piramide visita periodicamente il pianeta e quello che gli abitanti credono un dio, tiene il popolo in stato di schiavitù e di arretratezza primitiva, impedendo anche la conoscenza della scrittura e costringendoli a estrarre un minerale dal sottosuolo.

Il dio, moto simile a quelli egizi, si chiama Ra ma è in realtà un alieno che, arrivato morente sulla terra diecimila anni fa, ha preso possesso del corpo di un giovane nordafricano e sul pianeta lontano ha trovato il minerale che gli permette di rinnovare i tessuti e dargli vita eterna. Attraverso lo stargate ha trasferito degli uomini costruendo una comunità primitiva di lavoratori schiavi e poi ha seppellito lo stargate sulla terra in modo che nessuno possa raggiungerlo.

 

Grande idea, originale, mai vista nel cinema di fantascienza, che attinge a tutta una serie di teorie sulle civiltà aliene che forse hanno visitato la terra e sui misteri dell'antico Egitto.

Bello e appassionante, a parte la "divina" presenza del bellissimo Jaye Davidson che da solo meriterebbe il film per potenza. visiva. E invece c'è anche una bella fotografia, una bellissima potente, precisa sceneggiatura che, ovviamente i BSC hanno definito  "di teutonica pesantezza"

 

Emmerich voleva che questo fosse il primo film di una trilogia. Fortuna che il film ha un suo impianto compiuto perchè è rimasto l'unico.

Stargate è stato il primo film ad avere un sito web ufficiale.

 

Ci sono un paio di inesattezze che personalmente perdono volentieri.

Nel film viene detto che il coperchio dello Stargate è datato al 10.000 a.C. grazie al metodo del carbonio 14: impossibile, poiché tale metodo è utilizzabile esclusivamente su materia organica.
Nel film per rilevare la destinazione occorrono sei coordinate spaziali e invece per trovare un punto nello spazio, per quanto lontano, ne bastano tre.


fiore di cactus :)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni