film

 

TERMINATOR 3 -  LE MACCHINE RIBELLI

di Jonathan Mostow

con Arnold Schwarzenegger, Nick Stahl, Kristanna Loken, Claire Danes

USA -  2003 -  109'

 

La guerra nucleare scatenata da Skynet e e la successiva guerra degli uomini sopravissuti contro le macchine creatrici di terminator è stata solo rimandata.

John Connor  ha adesso una ventina d'anni, ha passato gli ultimi anni nel più totale anonimato, senza indirizzo e senza telefono: non deve essere rintracciato.

E dal solito futuro arrivano i soliti cyborg con novità: l'eliminatore stavolta è una Terminatrix, una donna bella bionda algida e spietata. Il buono è di nuovo  Schwarzenegger che di lì a poco sarà eletto governatore della California e che per il suo arrivederci al cinema finanzia il film con 1.400mila dollari per essere sicuro di girare una certa scena di altissima azione.

Si aggiunge alla storia Kate, ex compagna di scuola di John, che diventerà sua moglie e suo comandante in seconda nella guerra post nucleare.

A chi si chiedesse come fanno li uomini a costruire Skynet che nel film precedente era stato creato dal chip del terminator... bhe... in effetti non è chiaro ma ce la fanno comunque anche senza chip.

Tanto che tutta la vicenda si svolge proprio il giorno in cui Skynet, dopo aver preso autocoscienza e il controllo dei sistemi di comunicazione, alle cinque del pomeriggio lancerà le bombe nucleari.

E sarà la fine del mondo.

 

Buona anche se complessa, l'idea che Skynet abbia simulato un virus che blocca i computer e che può essere eliminato soo dandole autonomia logica e così facendo assumere il totale controllo.

Buono anche che Skynet abbia la testa a forma di insetto.

Che sia un computer a scatenare la guerra ricorda ovviamente Wagames. Non male.

 

James Cameron ha rifiutato la regia di questo terzo film della saga perchè riteneva che la storia fosse terminata col secondo film e infatti regista e sceneggiatori, come abbiamo visto,  hanno faticato non poco per ricucire le fila della vicenda.

Linda Hamilton invece ha rifiutato perchè in questo film avrebbe avuto un ruolo marginale.

 

Schwarzy recita con tutta la sua ironia e il film è pieno di buone battute rese ancora più gustose dall'immobilità della sua faccia.

 

 

Una citazione: il timer nella base sotterranea di Crystal Peak viene disattivato a 00.07 secondi dall'esplosione, come in "Missione Goldfinger", in cui la bomba dentro Fort Knox è disinnescata nell'esatto momento in cui il timer segna 0:07.

La scena finale in cui viene mostrato il bombardamento atomico ad opera di Skynet è stata riutilizzata in un episodio di Smallville.

 

Sarà davvero finita la saga?

 

fiore di cactus :)

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni