corti

The joy of books

Gira da un paio di giorni e io lo trovo straordinario.

Non è difficile capire come è stato realizzato: la tecnica si chiama stop motion cioè tante foto, una per ogni variazione di movimento, praticamente un lavoro gigantesco, tanta pazienza ma, sono certa, tanto divertimento.

Mi ricorda molte cose: il primo fantasma dei ghostbusters alla biblioteca nazionale di New York, Pagemaster, una vecchia webcam in un castello inglese che avrebbe dovuto farci vedere un noto fantasma e dove invece non succedeva mai nulla...

Bellissimo.

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni