TV

 

UOVA FATALI

di Ugo Gregoretti

con Gastone Moschin

Italia - 1977 -  100' (2 puntate)

 

Tratto dall'omonimo romanzo di Michail Afanas'evič Bulgakov, lo stesso de Il maestro e Margherita, lo sceneggiato racconta del giorno in cui il professor Persikov, direttore dell'istituto di zoologia di Mosca  negli anni 1920, specializzato in rettili e anfibi, si accorge che una strana quanto casuale combinazione del raggio di luce proveniente dalla più banale delle lampade, attraversando le lenti del microscopio, ha generato un piccolo raggio concentrato che ha accelerato il processo di crescita di alcune cellule di rana.

Mette a punto il processo, costruisce una macchina in grado di operare su animali e non su cellule, il suo laboratorio si riempie di rane e tre di loro una rana gigante.

Il governo (comunista) interviene per valorizzare il progetto e dargli una utilità sociale. Il successo compensa la triste vista di Persikov che è stato abbandonato dalla moglie, fuggita con un attore, con un biglietto in cui dice: le tue rane suscitano in me insopportabili brividi di disgusto.

Ma a metterci lo zampino nel proseguire gli esperimenti felici, al posto del caso, è la distrazione delle poste sovietiche perchè mentre, a fronte di una moria dei polli un capo del partito pensa di utilizzare il raggio su una partita di uova di gallina, lo scienziato chiede una partita di uova di serpente: le consegne si invertono e nella campagna intorno Mosca nascono mostruosi rettili giganteschi che molto presto cominciano a dirigersi sulla città. A porre fine alla tragedia, arriva un improvviso quanto provvidenziale freddo polare nel mese di agosto; i rettili giganti muoiono tutti anche se, inseguito alla decomposizione, scoppiano epidemie di colera e di tifo.

 

Quante riflessioni...

Da una parte un autore dei tempi della rivoluzione che ha combattuto tutta la vita con la censura e con il sequestro dei suoi diari. Tanto che fino al 1961 nessuno nel mondo era a conoscenza della sua opera.

E dall'altra un altro autore, Gregoretti, che imbastisce sul suo primo racconto uno sceneggiato breve in due puntate che è un ricamo.

Sull'ironia di Bulgakov, Gregoretti si adagia con una dose di ironia personale, storica e politica: la sua - e solo sua poteva essere - voce fori campo di commento alle vicende del povero Persikov, fanno vedere il sorriso tagliente del regista e dicitore che legge brani del romanzo.

Ironia nella scelta e direzione di Gastone Moschin protagonista e di tutti gli altri che stanno sulla scena come in una commedia sopra le righe.

Ironia non solo nel contenuto ma nella forma che Gregoretti, intelligentemente,  da al suo sceneggiato: sceglie, fra i primi della TV italiana, la tecnica del croma key per far muovere i suoi attori sullo sfondo delle immagini dei in film dell'epoca, L'uomo con la macchina da presa di Dziga Vertov che racconta dell'URSS di quegli anni.

Ironia negli effetti speciali: per rane e serpenti giganti Gregoretti si affida al croma key ma per i dinosauri si diverte a dichiarare - visivamente parlando - che trattasi di pupazzi, forse animati da attori che indossano il costume.

 

Semplicemente esilarante e intelligente.

 

Buffo il processo di produzione.

In Italia stava per arrivare le TV a colori e già nel 1968, nove anni prima,  si era girata l'Odissea interamente in pellicola. Gregoretti invece gira, ed è forse il primo caso, con telecamere (e quindi in elettronica) a colori. E' un colore appena accennato, tanto leggero da risultarci adesso sbiadito. Ma è un bel pezzo di storia della televisione italiana e delle sue produzioni.
 

 

fiore di cactus :)

 

 

film

corti

cartOOn

TV - fiction

eventi

percorsi

news

soggettive


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni