cartOOn

 

OZZY CUCCIOLO CORAGGIOSO

di Alberto Rodríguez

2017 - Spagna, Canada - 90'

 

Ozzy  un beagle, vive con una famiglia dove lui e lei disegnano fumetti e c'è un bambina a cui ovviamente Ozzy è particolarmente legato.

Solite storie di vicinato: cagnetti amici, il sempre arrabbiato vicino di casa, in ragazzetto dei giornali dispettoso.

Quando i due disegnatori vincono un premio e devono andare in Giappone scoprono che portare Ozzy significa farlo stare in quarantena neo due settimane e così decidono di lasciarlo in una specie di centro benessere per cani che costa tanto ma promette anche tanto.

E Ozzy, salutati i suoi, si accorge subito che si tratta di una facciata dietro la quale si nasconde un carcere per lavori forzati per cani. Il proprietario del centro benessere prima intasca le cospicue somme per l'ospitalità delle bestiole, poi dichiara che sono tragicamente morte per insospettabile malattia e continua a intascare denaro facendoli lavorare alla produzione di frisbree.

E Ozzy decide: bisogna evadere.

 

Il cartOOn non è male, i cani sono veramente ben disegnati e la storia non manca di una nota educativa sul mondo concentrazionario.

Peccato che ad essere disegnati bene sono solo i cani mentre gli umani sono sproporzionati, teste grandi e gambe sottili.

Peccato che ci sono dieci minuti iniziali di una specie di remake-sequel che non serve a niente se non ad allungare il brodo perchè evidentemente alla produzione non bastavano 80'

Peccato che è più forte di me: i cani, per quanto apprezzabili le loro grandi doti, non mi stanno simpatici. Nemmeno antipatici, questo no, ma mi sono francamente del tutto indifferenti indifferenti.

 

 

fiore di cactus :)