cia

 

                                                                                                                                                                     

                                                                                                                                                                  film

 

IL GRANDE GIGANTE GENTILE

di Steven Spielberg

con Mark Rylance, Ruby Barnhill

USA, Gran Bretagna, Canada  - 2016 - 117'

 

Lo dico subito: siamo di fronte ad un'altra meraviglia di Steven Spielberg.

Sofia (già il nome...) è orfana, ama leggere di notte. Ed è proprio una notte che affacciandosi dalla finestra della camerata dell'orfanotrofio vede il gigante. Lui se ne accorge, la rapisce e la porta nel paese dei giganti.

Sofia, che sicuramente ha letto Jack e il fagiolo magico, che sicuramente ha visto Topolino e il fagiolo magico, che sicuramente ha visto anche Il cacciatore di giganti.... sì, perchè l'orfanotrofio, Londra...all'inizio tutto fa pensare ad una ambientazione stile David Copperfield ma poi si capisce che, assenza di telefonini e tablet a parte, la vicenda è ai nostri giorni e l'aspetto della regina Elisabetta alla fine ne sarà una conferma.

dicevamo, Sofia è convinta che il gigante la mangerà ma è capitata con un gigante diverso quanto lei: non solo è vegetariano ma è anche piccolo rispetto agli atri giganti, praticamente un nano, un gigante nano. e gentile.

Meravigliosa geometria cine-narrativa: lei è piccola tanto da essere tenuta in mano esattamente come Jessica Lange tra le mani di King Kong ma lui è un nano rispetto agli altri giganti divoratori di carne umana esattamente come Ulisse rispetto a Polifemo.

Tra parentesi Sofia nella casa di GGG ha con gli oggetti esattamente lo stesso rapporto: GGG ha come letto un veliero, Sofia dorme nella coffa, riesce ad nascondersi dentro al cetriolo di cui GGG si nutre.... per non parlare, a proposito di King Kong, di quando GGG la porta a pulirsi sotto la cascata....

 

E in tutto questo snocciolarsi di suggestioni vogliamo anche dire che GGG è anche l'omino dei sogni dei bambini? Che i sogni sono contenuti in barattoli di vetro come le boccettine dei ricordi di Rebecca di Hitchcock?

 

Adoro Steven Spielberg. 

Buona visione a chi ha voglia di sogno

 

Come? La tecnica? il digitale? la fotografia? gli effetti speciali?

E chi ci fa più caso. La tecnologia ha fatto del cinema quello per cui è nato: il sogno.

Almeno per chi vuole sognare.

 

 

fiore di cactus :)

 

 

film

GIF

cartOOn

TV - fiction

percorsi

soggettive

eventi

corti

news


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni