film

ANON

di  Andrew Niccol

con Clive Owen

Germania - 2018 - 100'

 

Sal è un poliziotto in una società in cui la privacy è stata ufficialmente e legalmente eliminata: tutti sono schedati e controllati, la polizia può vedere i dati relativi per ogni persona che incontra.

Un giorno Sal incontra una ragazza che invece non ha dati, non è riconoscibile. Si tratta di una abilissima hacker che porterà Sal a scoprire....

Il film si può definire uno SCI-FI thriller e si sa che io coi thriller non è vada troppo d'accordo ma con la SCI-FI...

Molto interessante l'inquietante ipotesi del controllo che secondo me non è poi così SCI-FI...

Si sa che le ricerca è stata sempre indirizzata a scopi militari, anche e forse soprattutto quella aerospaziale che dietro la conquista dello spazio come orgoglio dell'uomo nascondeva la possibilità di collocare missili in orbita. Del resto lo sappiamo dal lontano 1995: internet è tecnologia abbandonata dal Norad e di cui il mercato si è giustamente appropriato. Ho avuto modo sapere da una dirigente FINMECCANICA che perfino in Italia, parlando di settore civile, siamo indietro di 30 anni sull'uso delle tecnologie. Come dire che i militari usano sistemi i cui utilizzi a scopi civili, come il telefonino, per dirne una, che saranno sul mercato fra 30 anni.

Nulla di strano quindi che il film si collochi in un futuro prossimo.

Non è ai livelli di Minority Report ma ci si avvicina concettualmente.

Naturalmente fotografia fredda,ambienti asettici e molto eleganti, case che potrebbero essere di Armani ma non per la ricchezza quanto per il senso di solitudine.

Da vedere.

 

fiore di cactus :)