DALLA TERRA ALLA LUNA

di Byron Haskin

con Joseph Cotten, George Sanders, Debra Paget

USA  - 1958 - 100'

 

Tratto dal romanzo omonimo di Giulio Verne che nella sua vita ha scritto quasi sempre di fantascienza: uno per tutti Ventimila leghe sotto i mari.

Uno scienziato americano giovane e ambizioso ha scoperto un nuovo esplosivo e insieme ad altri due sta andando sulla Luna a dimostrarne il potere distruttivo. Primo viaggio dell'uomo sul nostro satellite, paura di non ritorno, speranze. Peccato che uno dei tre è uno scienziato buono e per liberare l'umanità dal rischio della nuova arma, ha sabotato la nave spaziale condannando tutti. E peccato che a bordo è salita di nascosto l'innamorata di uno dei tre ed è questa la grande variazione al romanzo perchè il cinema senza le donne non funziona.

Va a finire che gli innamorati si salvano. Ah, l'amore! Come si salvano? Girano intorno alla Luna e con la sua gravità tornano indietro.

Gli altri due finiscono sulla Luna dove moriranno uno perchè cattivo e l'altro perchè in fondo è vecchio. Nel libro invece si salvano tutti ma non ricordo se uno dei tre era proprio così cattivo.

A proposito di cattiveria, c'è un inaspettato George Sanders nella parte di un buono mentre di solito interpreta grandi fetenti come ne Il fantasma e la signora Muir e in Rebecca. Anzi no, era buono anche ne Il villaggio dei dannati.

Fantastici gli arredi fine '800 sulla nave spaziale con tanto di poltrone imbottite con ovvio vestito d'epoca per la bella signorina.

 

fiore di cactus :)