cia

 

                                                                                                                                                                     

                                                                                                                                                                  film

 

GLI INNAMORATI

di Mauro Bolognini

con Franco Interlenghi, Antonella Lialdi, Nino Manfredi, Valeria Moriconi, Gino Cervi

Italia - 1955 - 83'

 

Lui che fa il barbiere ama lei che che fa la parrucchiera ma lei ama un altro lui che ha un chiosco di gelati in piazza che la ama ma ancora non si è deciso al grande passo e corre appresso ad un'altra lei che è ancora giovane ma sposata ad un bravuomo più vecchio che fa l'oste sulla stessa piazza. E poi c'è il fratello della parrucchiera che è amico del gelataio e che per arrotondare fa l'attore di fotoromanzi, che ha una attrice che lo ama e lo ama anche la pantalonaia che ha il negozio sempre sulla piazza.

La piazza è quella di Montevecchio, nel cuore di Roma, fra via dei Coronari e la Pace.

 

La storia è un po' più intrecciata di quanto lo sarà un anno dopo Poveri ma belli ma il clima è lo stesso: la Roma abitata dai romani che ancora non vogliono avere la casa nuova e popolano il centro storico con le loro botteghe e le loro storie.

Non è più neorealismo e non è ancora commedia all'italiana ma di entrambe mantiene la coralità dei protagonisti, lo spaccato  sociale e la lingua dialettale anche se ammorbidita verso l'italiano.

Qualcuno l'ha chiamato neorealismo rosa.

 

In particolare questo di Bolognini sembra un film che scantona nella sperimentazione: molte situazioni e un montaggio insolitamente serrato per i tempi che anticipa ritmi molto più recenti.

Interessante la stretta relazione fra location e azione. Il film, tranne la meravigliosa sequenza del fotoromanzo di ambientazione orientale girato a Piramide con le palme (citazione divertita de Lo sceicco bianco) e l'immancabile uscita dal carcere di Regina Coeli di uno dei protagonisti, è tutto girato a piazza Montevecchio, una scelta funzionale all'immagine della città all'epoca: un rione che si divideva in tanti piccolissimi paesi raccolti intorno ad una piazzetta. quasi una rimembranza della insula dei romani.

 

Una chicca.
 Il film è stato proiettato per la festa di fine anno al Club Montevecchio, che sta sulla piazza e che nel film forse era la stireria.

 

Magnifico.

 

fiore di cactus :)

 

 

film

GIF

cartOOn

TV - fiction

percorsi

soggettive

eventi

corti

news


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni