cia

 

                                                                                                                                                                     

                                                                                                                                                                  film

 

HO UCCISO NAPOLEONE

di Giorgia Farina

con Micaela Ramazzotti, Adriano Giannini, Elena Sofia Ricci

Italia - 2015 - 90'

 

Anita, donna in carriera cinica come non se ne sono mai viste nel nostro cinema tanto da essere quasi una macchietta, al momento di una promozione scopre di essere incinta di un collega sposato, Paride, altrettanto rampante. Che la fa licenziare.

Abortire (come vorrebbe) o usare il figlio per rovinare Paride perchè la maternità non è giusta causa (come vuole la sua avvocato)?

Buona evoluzione della storia, giusta ironia caustica come nella migliore tradizione del nostro migliore cinema  e il riferimento è sempre al nostro grande Mario Monicelli.

il film è stato un  flop e i motivi, secondo me, non sono dentro al film che è simpatico, ritmato e in fondo innovativo. Stanno tutti dentro al fatto che l'Italia (e il suo pubblico) è un Paese fondamentalmente cattolico e conservatore e anche maschilista. Va bene la relazione fraudolenta, va bene il figlio della colpa che per fortuna non viene abortito ma una donna in carriera MAI, una donna che con quell'uomo dichiara una relazione di solo sesso senza sentimento MAI, una donna incazzata contro il padre MAI, una donna che riprende esattamente il suo posto dopo aver fatto fuori dall'azienda non uno ma due uomini MAI.

Signori cari e cari critici che avete stroncato il film, qui non si vuole fare del vetero-femminismo ma il cinema in quanto arte DEVE essere provocatorio e anche guardare avanti.

Meravigliosa la scena in cui una bambina che sta partendo per le ferie le affida un pesce rosso  e lei, che ha ben altri problemi, va direttamente in bagno e butta tutto nel water. Avrà alla fine un altro pesce rosso che chiamerà Waterloo.

Da notare che Micaela Ramazzotti finalmente non fa la parte della psicopatica anoressica come in La pazza gioia (ma gioia de che?) e nel recente Una famiglia visto a Venezia

La regista è la stessa di Amiche da morire e se tanto mi da tanto, personalmente mi aspetto cose buone.

Il film è disponibile su Raiplay visto che ormai in Italia la figura del produttore è scomparsa e produce solo RAI.

 

fiore di cactus :)

 

 

film

GIF

cartOOn

TV - fiction

percorsi

soggettive

eventi

corti

news


cinecittà

scuola di cinema

cineteca nazionale

museo del cinema

istituto luce

casa del cinema

SAS cinema


AIC

AITS

AMCT

ANAC

ASC


Venezia

Roma

Torino

Locarno

Pesaro

Giffoni

David di Donatello

       ...e tutti gli altri


festivalcortometraggi


film in sala


Italica Rai

35mm

FilmUp

CastleRock

Cinefile

Cineboom

IMDB

Kataweb cinema

ArchivioImmagini

FantaFilm

tutti i film per anno


RAI

RaiClick

Televideo


film commission


WebCam


produzioni