TV

LA PORTA ROSSA - stagione 2

di Carmine Elia

con Lino Guanciale, Gabrielle Perssion

Italia - 2017 - 24 episodi 50'/ciascuno

 

Continua la storia di Leonardo Cagliostro, poliziotto troppo efficiente, ucciso forse da un collega, diventato fantasma per proteggere la moglie perchŔ ha avuto delle visioni precognitive dove anche lei veniva uccisa.

 

Per quanto intrigante, per quanto bello Lino Guanciale, per quanto bella la fotografia, io questa seconda stagione proprio non riesco a seguirla.

Il motivo Ŕ sempre lo stesso: non mi piacciono i polizieschi, mi annoiano, perdo il filo, non ci capisco nulla.

E per quanto mascherato da fantasy, questo non  altro che un poliziesco dove bisogna scoprire un assassino nascosto da un intreccio che si a questa seconda stagione Ŕ sempre pi¨ complicato. Non Ŕ pane per i miei denti.

E per˛ mi chiedo una cosa, ovviamente in via retorica: ma perchŔ la produzione italiana non riesce a fare un fantasy come dio comanda senza contaminarlo con un genere importante ma certamente pi¨ facile come il poliziesco?

Ovvia la risposta: noi il fantasy non lo sappiamo fare perchŔ ancora (e forse per sempre) legati al realismo prima e al neo-realismo dopo. E il realismo Ŕ l'esatto contrario del fantasy dove si racconta di un altro mondo o comunque di un nostro mondo regolato da tutt'altre regole. E infatti, proprio per questo motivo, non riusciamo a fare nemmeno SCI-FI. Nel poliziesco c'Ŕ un mistero da risolvere, certo, ma Ŕ un mistero di questo mondo. E' vero che il poliziesco deve funzionare e la buona scrittura conta moltissimo ma da un certo punto di vista Ŕ relativamente semplice: l'autore scrive la storia in chiaro e poi la racconta al contrario segnalando all'investigatore una serie di indizi dai quali risale alla veritÓ.

Meccanismo complesso ma ben ancorato alla realtÓ che conosciamo.

E non dimentichiamo fra l'altro che noi italiani con il mondo delle fiabe ci siamo sostanzialmente  fermati a Gianbattista Basile e al suo Lo cunto de li cunti che risale al 1634.

GiÓ il cinema e le produzioni televisive vanno meglio: da La corona di ferro, a Miracolo a Milano, a Giulietta degli spiriti, a Il giudizio universale, a Il segno del comando, a Nirvana e altre poche cose che ho raccolto nel percorso fantasy in Italy si sono fatte cose ma alla fine poca roba rispetto ad altre cinematografie. E comunque nulla di veramente magnifico come... che so?... Il signore degli anelli o Harry Potter.

Peccato.

 

fiore di cactus :)