grazie

Curioso. Ho sempre pensato che doveva essere questa la foto pi importante tanto che quando scrivevo la sceneggiatura per il film che non si fatto, l'avevo scelta come copertina, ce l'avevo su tutti i computer, me la portavo appresso da un computer all'altro e invece non c' nelle puntate.

Non so se la foto di Venezia che mi piace pi di tutte, ne ho fatte talmente tante in questi 30 anni che difficile dirlo. Ma questa sicuramente la foto che ho sempre associato a Mr. Silvera che se ne va su una nave da carico. Solo che questa non una nave che parte ma una nave che arriva. e, come si dice? E' arrivato un bastimento carico, carico, carico di... Carico di doni.

La foto sbagliata, fatta dal ponte dell'Accademia con lo zoom, fatta di corsa perch la nave sarebbe sparita in pochi secondi ed sfocata ma "ora o mai pi" mi sono detta. Quella mattina non sapevo neanche che in laguna arrivavano i piccoli mercantili e quella nave era un dono.

 

I doni di Venezia sono stati tanti. Dall'imparare a mangiare da sola in un ristorante, al camminare da sola di notte, al fare impresa con i miei disegni e le mie fotografie, al cinema, al non avere mai pianto a Venezia, fino agli amici che sono il vero unico dono. Non li nomino perch temo di dimenticare qualcuno ma chi "sa" si riconosce.

 

Grazie a chi mi ha regalato il libro di Fruttero e Lucentini e, forse senza saperlo, mi ha aperto un mondo

Grazie a chi ha avuto l'onere di seguirmi pazientemente in questa ricerca della forma che doveva assumere.

Grazie a chi ha avuto la pazienza di seguire tutto questo raccontare.

 

Grazie a chi mi ha suggerito che l'avventura possa continuare. Forse dalle mie foto-storie ci sar un libro, forse ci sar una mostra.  Vedaremo.

Intanto CIAO che, tanto per cambiare, come saluto nasce a Venezia: per salutare rispettosamente si diceva "schiavo" da cui  "sciavo" da cui "ciao". Era una derivazione dal latino "servus"

 

E visto che Venezia ha fatto del mercato un'arte, anche questa foto in vendita ma in copie numerate.

info:

labottegadimarella@gmail.com

 

 

 

angela ermes cannizzaro :)