produzioni

                                                                                                                                                                                                   Vai all'archivio

 

69 - Le fate ignoranti

Non so chi ha detto che riusciamo a raccontare bene se le cose fanno parte della nostra vita.

E non so se essere o meno d'accordo.

Questo "mio cinema" era nato come libro ma a me di raccontare in forma testuale le cose della mia vita,

non mi viene bene per niente. Così forse mi è venuto meglio.

E poi non so...

Forse è un po' restrittivo.

Ozpetec è gay e racconta bene storie gay. Certo, giusto.

Ma è come se io che sono donna potessi raccontare bene solo storie di donne.

Invece ci sono registi maschietti che hanno raccontato magnifiche storie di donne,

uno per tutti Mario Monicelli e la sua "Ragazza con la pistola"

Senza contare che il regista, in quanto narratore,deve essere curioso per definizione

perchè nessuno di noi potrà mai vivere più della propria vita

e in questo senso, gli autori (e non solo del cinema) parlerebbero solo di quello che gli accade.

Certamente nella narrazione c'è spesso qualcosa di autobiografico ma...

 

 

 

angela ermes cannizzaro :)